Riqualificazione aree urbane degradate: dall’Istat gli indicatori per il calcolo

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 26 ottobre 2015 è stato pubblicato il bando per la presentazione di proposte per il piano nazionale per la riqualificazio...

28/10/2015
© Riproduzione riservata
Riqualificazione aree urbane degradate: dall’Istat gli indicatori per il calcolo
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 26 ottobre 2015 è stato pubblicato il bando per la presentazione di proposte per il piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate. Queste aree vengono definite in base a indicatori da calcolarsi utilizzando, quali dati di base, i dati per sezione censuaria del 15° Censimento della popolazione e delle abitazioni.
Per rendere più agevole l'operazione di calcolo degli indicatori, l'Istat rende disponibili in un unico file i dati di base necessari. I dati sono raggruppati nel file zip (in download) al cui interno sono stati predisposti:
  • due file in formato xls uno con i dati a livello nazionale e uno con quelli a livello comunale;
  • due file in formato csv con i dati a livello di sezione di censimento e il tracciato record.

Ciascun file è corredato di una descrizione dei dati in esso contenuti.
Gli stessi dati sono disponibili, insieme a molte altre informazioni a livello di sezione di censimento, nell’area dedicata alle Basi territoriali - ”Variabili censuarie” – del sito dell’Istat e in formato Linked Open Data.
In particolare, sono state aggiunte a tutti i tracciati di dati aggregati a livello subcomunale (sezione, ace, asc, loc) le seguenti variabili:
  • Edifici ad uso residenziale con stato di conservazione ottimo
  • Edifici ad uso residenziale con stato di conservazione buono
  • Edifici ad uso residenziale con stato di conservazione mediocre
  • Edifici ad uso residenziale con stato di conservazione pessimo
  • Alloggi vuoti
  • Alloggi occupati solo da persone non residenti.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it