THE NEXT GENERATION BUILDING: Costruire la nuova architettura

Nell’Aula Rogers del Politecnico di Milano si terrà, il 7 novembre prossimo, il convegno “THE NEXT GENERATION BUILDING. COSTRUIRE LA NUOVA ARCHITETTURA”. I t...

12/10/2018
© Riproduzione riservata
THE NEXT GENERATION BUILDING: Costruire la nuova architettura

Nell’Aula Rogers del Politecnico di Milano si terrà, il 7 novembre prossimo, il convegno “THE NEXT GENERATION BUILDING. COSTRUIRE LA NUOVA ARCHITETTURA”. I temi ricorrenti del progetto contemporaneo – innovazione e rivoluzione digitale saranno oggetto degli interventi e del dibattito che avrà come filo rosso la nuova architettura.

Complessa, prefabbricata, su misura, sinuosa ed energetica, a qualsiasi scala, la nuova architettura ha bisogno, per realizzarsi, di nuovi materiali e nuovi strumenti.
Trasversale a questo percorso, che sottende una rivoluzione di pensiero e di processo, la connessione come fattore chiave, generatore degli edifici del futuro.
L’ Architettura Smart, molto più di una attraente definizione, rappresenta un’innovazione di sintesi che vede progettisti e costruttori impegnati nello sviluppo di edifici basato sulla rivoluzione digitale.

L’EVENTO È IN COLLABORAZIONE CON l’ORDINE DEGLI ARCHITETTI DELLA PROVINCIA DI MILANO. HA OTTENUTO IL PATROCINIO DEL POLITECNICO DI MILANO, DELL’ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO E DELLA CONSULTA REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA LOMBARDIA.

LA PARTECIPAZIONE È GRATUITA E GARANTISCE 6 CFP PER ARCHITETTI.

PREMESSE E OBIETTIVI

È davvero così necessaria la ricerca continua del nuovo per il Costruire? I paradigmi che hanno trasformato i processi e il cantiere e reso possibile una nuova architettura – sostenibilità ed efficienza energetica, BIM, economia circolare (riuso e riciclo), fabbricazione digitale, off site e tecnologia a secco – sono già diventati prassi corrente nel Costruire diffuso? Lo stato dell’arte, le prospettive, le riflessioni, i rischi al convegno The Next Building

UNA NUOVA VISIONE

Uscire dalla logica delle soluzioni precostituite e affrontare l’architettura con tutta la libertà espressiva consentita dalla progettazione digitale e dalle tecnologie costruttive più innovative: il convegno The Next Building che si terrà al Politecnico di Milano “The Next Generation Building. Costruire la nuova architettura” vuole invitare a una lettura più coraggiosa delle mutazioni per trasformarle in un’occasione di trasformare realmente l’architettura. Senza tralasciare il tema energetico che ha contribuito a qualificare il settore dell’edilizia e a formare progettisti consapevoli e responsabili, il convegno proporrà argomenti di discussione, mettendo a confronto i protagonisti del processo costruttivo

LA PROSSIMA GENERAZIONE DI EDIFICI, GLI STRUMENTI DELLA RIVOLUZIONE PROGETTUALE

Sono quattro i macrotemi che verranno discussi al convegno, THE NEXT GENERATION BUILDING. COSTRUIRE LA NUOVA ARCHITETTURA al Politecnico di Milano: La nuova Architettura; L’edificio del futuro; Tecnologie innovative e materiali, Augmented Reality, 3d Printing, Virtual Reality, Immersive Design. Ogni sessione sarà presieduta da un panel di relatori di estrazione accademica e progettuale.

I RELATORI...

Autorevolissime le testimonianze dal mondo progettuale: Stefano Boeri, autore del Bosco Verticale a Milano; Alfonso Femia che ha firmato la recente Dallara Motorsport Academy; Emilio Pizzi coautore insieme a Mario Botta dell’ampliamento del Teatro Alla Scala di Milano; Mauro Giuliani lo strutturista della Torre Zaha Hadid, Giuseppe Chiarandà, che ha “miracolosamente” realizzato il padiglione degli Emirati Arabi in occasione dell’indimenticabile Expo 2015; Giuseppe Di Bari, Tommaso Salvo sul fronte della progettazione operativa rispettivamente per Deerns e Cooperativa Muratori Braccianti, Ingrid Paoletti e Giuliana Iannaccone, Politecnico di Milano sui temi dell’innovazione di frontiera e Pierpaolo Ruttico anch’esso targato Polimi che parlerà di robotica per l’architettura.

...E IL RELATORE FUORI DAL CORO

Vi ricordate il disastro della Costa Concordia? Al convegno il direttore della Fagioli, Paolo Cremonini l’ingegnere che ha “progettato”, il recupero della nave, racconterà il contributo dell’azienda nei cantieri complessi e fortemente innovativi.

LA FORMULA

Diversamente dai classici speech frontali, The Next Building ha sperimentato e collaudato la formula del dialogo con l’obiettivo di consentire una maggior efficacia della comunicazione, di far emergere ulteriori temi nei dibattiti e di tenere alto il livello di attenzione del pubblico. Ogni sessione si svilupperà con brevi presentazioni frontali e “tavoli di discussione”. Una bella occasione per consentire una partecipazione attiva al pubblico in sala.

PERCHÉ PARTECIPARE

Ai partecipanti del convegno The Next Building che si terrà al Politecnico di Milano, in Aula Rogers, il prossimo 7 novembre in via Ampere, 2 verrà offerta l’opportunità di conoscere esperienze significative sul territorio italiano e fuori dall’Italia e un’approfondita visione dei temi che riguardano l’innovazione dei materiali, delle tecnologie e dei processi.

Quota di iscrizione: gratuita con registrazione obbligatoria su www.convegno.thenextbuilding.it

Crediti Formativi Professionali: 6 CFP per Architetti

Data e Sede
7 novembre2018 ore 8.30 (registrazione)

Politecnico di Milano
Aula Rogers
Via Ampere, 2
Milano

Per iscriverti clicca qui