Antincendio e installazione impianti fotovoltaici: ok alla semplificazione

Con la conversione in legge del Decreto Aiuti ter si confermano fino a fine 2024 i nuovi termini di valutazione di conformità dell'impianto da parte dei Vigili del Fuoco

di Redazione tecnica - 18/11/2022
© Riproduzione riservata
Antincendio e installazione impianti fotovoltaici: ok alla semplificazione

È stata approvata definitivamente la conversione in legge, con modificazioni, del D.L. n. 144/2022 (Decreto Aiuti ter), recante “Ulteriori misure urgenti in materia di politica energetica nazionale, produttività delle imprese, politiche sociali e per la realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)”.

Tra le disposizioni confermate, l’art. 16, rubricato "Procedure di prevenzione incendi", che semplifica delle procedure di installazione degli impianti fotovoltaici e solari termici sulle coperture e sulle facciate di edifici a servizio di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi.

Antincendio e installazione impianti fotovoltaici: procedure semplificate

In particolare, la norma stabilisce che nel caso in cui, a seguito dell'installazione di tali tipologie di impianti, sia necessaria la valutazione del progetto antincendio, i termini di cui all'articolo 3, co. 3, secondo periodo, del regolamento di cui al d.P.R. n. 151/2011 sono ridotti, fino al 31 dicembre 2024, da sessanta a trenta giorni dalla presentazione della documentazione completa.

Dimezzati quindi i tempi entro cui i Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco devono rispondere in relazione alle attività classificate in categoria B o C dal d.P.R. n. 151/2011 e sottoposte alle procedure di prevenzione incendi, e comunicare la conformità del progetto alla normativa e ai criteri tecnici di prevenzione incendi.

Adempimenti post installazione: la SCIA antincendio 

Considerato che l'installazione di un impianto fotovoltaico in un edificio esistente soggetto ai controlli antincendio implica una variazione delle condizioni di sicurezza precedentemente accertate, è necessario presentare una SCIA antincendio a lavori ultimati, facendo due importanti distinzioni:

  • in caso di aumentato rischio, il progetto va anche sottoposto alla valutazione dei Vigili del Fuoco per l'approvazione;
  • se non c’è aumento di rischio, bisogna allegare alla SCIA la relativa dichiarazione di non aggravio del rischio incendio, oltre alle certificazioni asseverate da un professionista antincendio.

Impianti fotovoltaici: le norme antincendio di riferimento

In attesa di un decreto del Ministero dell’Interno di prossima pubblicazione che coordinerà tutte le indicazioni sulla sicurezza antincendio degli impianti fotovoltaici in attività soggette ai controlli di prevenzione, il riferimento attuale è rappresentato dai seguenti documenti:

  • guida tecnica allegata alla circolare n. 1324 del 7 febbraio 2012 della Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica e relative note di chiarimento;
  • D.M. Ministero dell’Interno del 30 marzo 2022 recante la RTV sulle chiusure d'ambito degli edifici civili.