Appalti con risorse PNRR: Invitalia pubblica un nuovo bando

La procedura prevede l'affidamento di lavori per la riqualificazione di un complesso monumentale a Napoli adibito a presidio ospedaliero

di Redazione tecnica - 03/01/2023
© Riproduzione riservata
Appalti con risorse PNRR: Invitalia pubblica un nuovo bando

È disponibile sul portale di Invitalia tutta la documentazione inerente il bando di gara per l’affidamento dei lavori di ristrutturazione per la riconversione dell'area riabilitativa pediatrica UCCP denominata “Complesso monumentale della ss. Annunziata: la donna e il bambino, la tradizione si rinnova nel nuovo percorso” a Napoli.

Riqualificazione complesso monumentale a Napoli: il bando con i fondi PNRR

Realizzato nel XIII secolo dagli Angioini e ampliato nel Settecento da Luigi Vanvitelli, il complesso ospita oggi un presidio  ginecologico e pediatrico, adesso sottoposto a un processo di rinnovamento grazie a diversi investimenti, alcuni dei quali finanziati nell’ambito del PNRR:

  • PNRR - M6C1- Investimento 1.1 – Case della Comunità e presa in carico della persona
  • PNRR - M6C1- Investimento 1.2.2 – Centrali Operative Territoriali (COT)
  • PNRR - M6C1- Investimento 1.3 – Rafforzamento dell’assistenza sanitaria intermedia e delle sue strutture (Ospedali di Comunità)
  • Intervento n.13 del CIS “Napoli – Centro storico” finanziato dal Piano Sviluppo e Coesione del Ministero della cultura (FSC 2014-2020)
  • Intervento n.12 dell’Accordo di Programma ex art. 20 L.67/1988 (III fase – I stralcio)

In particolare, come specificato nel Disciplinare di gara, l’appalto prevede:

  • la realizzazione dell’Unità Complessa di Cure Primarie pediatrica (UCCPp)/Casa di Comunità pediatrica;
  • la realizzazione della Centrale Operativa Territoriale (COT) e dell’Ospedale di Comunità pediatrico,
  • il rifacimento degli impianti;
  • il restauro delle facciate e degli elementi di pregio storico del complesso monumentale, questi ultimi previsti nel più ampio progetto integrato di valorizzazione del centro storico di Napoli attuato attraverso il CIS “Napoli – Centro storico”.

La Stazione Appaltante, si riserva di affidare all’operatore economico aggiudicatario dell’appalto anche delle lavorazioni ozpionali comprendenti ulteriori lavori di restauro delle facciate esterne e la realizzazione di un'altra unità operativa.

Questi gli importi totali destinati all'appalto:

  • Lavorazioni principali e relativi oneri della sicurezza: € 16.017.503,05;
  • Lavori opzionali e relativi oneri della sicurezza: € 10.461.837,84;
  • Il valore massimo stimato per l’appalto è quindi di € 26.479.340,88.

Soggetti ammessi e requisiti tecnici

Sono ammessi a partecipare:

  • a) gli imprenditori individuali, anche artigiani, e le società, anche cooperative;
  • b) i consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro e i consorzi tra imprese artigiane;
  • c) i consorzi stabili, tra imprenditori individuali, anche artigiani, società commerciali, società cooperative di produzione e lavoro;
  • d) i R.T.I. costituiti dai soggetti di cui alle lettere a), b) e c), che prima della presentazione dell'offerta, abbiano conferito mandato collettivo speciale con rappresentanza ad uno di essi, qualificato mandatario, il quale esprime l'offerta in nome e per conto proprio e dei mandanti, ovvero i R.T.I. non ancora costituiti;
  • e) i consorzi ordinari di concorrenti;
  • f) le aggregazioni tra le imprese aderenti al contratto di rete;
  • g) i soggetti che abbiano stipulato il contratto di gruppo europeo di interesse economico.

Oltre ai requisiti di carattere generale si richiede la qualificazione nelle seguenti categorie:

  • Categoria prevalente «OG2» Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela ai sensi delle disposizioni in materia di beni culturali e ambientali;
  • Categoria scorporabile «OS30» - Impianti interni elettrici, telefonici, radiotelefonici e televisivi
  • Categoria scorporabile «OS28» - Impianti termici e di condizionamento
  • Categoria scorporabile «OS2A» Superfici decorate di beni immobili del patrimonio culturale e beni culturali mobili di interesse storico, artistico, archeologico ed etnoantropologico;
  • Categoria scorporabile «OS3» - Impianti idrico-sanitario, cucine, lavanderie
  • Categoria scorporabile «OS4» - Impianti elettromeccanici.

Non è ammesso il ricorso all’avvalimento di cui all’articolo 89 del Codice dei Contratti. È ammesso il ricorso al subappalto con alcune differenze per categoria, come previsto all’interbo del disciplinare di gara.

La presentazione delle offerte da parte degli operatori economici dovrà avvenire entro e non oltre le ore 10:00 del 20 gennaio 2023, esclusivamente tramite il Portale accessibile dal sito https://ingate.invitalia.it

Documenti Allegati