Bandi di gara e contratti 2022: obbligo di comunicazione ad ANAC

L'Autorità Nazionale Anticorruzione ricorda gli adempimenti obbligatori per le stazioni appaltanti da assolvere entro il 31 gennaio 2023

di Redazione tecnica - 16/01/2023
© Riproduzione riservata
Bandi di gara e contratti 2022: obbligo di comunicazione ad ANAC

Scade il 31 gennaio 2023 il termine entro il quale le amministrazioni pubbliche devono inviare ad ANAC e pubblicare sul proprio sito web, nella sezione Amministrazione trasparente - Bandi di gara e contratti, i dati 2022 relativi ai procedimenti di scelta del contraente per l’affidamento di lavori, forniture e servizi.

Comunicazione ad ANAC delle procedure 2022: gli obblighi delle stazioni appaltanti

Come specificato sul sito stesso dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, le modalità per l’assolvimento degli obblighi di pubblicazione e di trasmissione delle informazioni all’ANAC relative ai bandi di gara e contratti – come previsto dall’art. 1, comma 32 della legge n. 190/2012, aggiornato dall’art. 8, comma 2, della legge n. 69/2015, rimangono invariate per il 2023.

Nessuna variazione nemmeno per le specifiche tecniche per la comunicazione via PEC dell’avvenuta pubblicazione dei dati entro il 31 gennaio 2023 e per quelle relative alla pubblicazione dei dati, in formato XSD.

In particolare le Stazioni Appaltanti (SA) per adempiere all’obbligo di pubblicazione dei dati in formato aperto, ai sensi dell’art. 1 comma 32 Legge 190/2012 conforme alle disposizioni di cui alla Deliberazione ANAC n. 39 del 2 gennaio 2016, devono:

  • trasmettere all’Autorità, entro il 31 gennaio di ogni anno, solo mediante Posta Elettronica Certificata all'indirizzo comunicazioni@pec.anticorruzione.it, un messaggio attestante l’avvenuto adempimento, riportando il codice fiscale della Stazione Appaltante e l’URL di pubblicazione del file XML per l’anno in corso;
  • pubblicare sul proprio sito web istituzionale le informazioni di cui all’articolo 4 della Deliberazione n.39 del 2 gennaio 2016 secondo la struttura e le modalità definite dall’Autorità.

Restano invariati gli obblighi di comunicazione e pubblicazione previsti dalla Deliberazione n. 39 del 20 gennaio 2016. In particolare, le Amministrazioni devono pubblicare tutte le informazioni di cui all’articolo 3 e 4 della suddetta Deliberazione secondo la struttura e le modalità definite da ANAC.