COVID-19: Super Green Pass

Il nuovo Green Pass ed il Super Green Pass nel decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri di ieri per il contenimento dell’epidemia da COVID-19

di Redazione tecnica - 25/11/2021
© Riproduzione riservata
COVID-19: Super Green Pass

Nel decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri di ieri è dato ampio spazio a quello che è stato definito il “Super Green Pass” che, in verità, sarebbe più corretto definire “Green Pass rafforzato”.

Vediamo le novità sul nuovo Green Pass e sul Super Green Pass.

Nuovo Green Pass

Relativamente al Nuovo Green Pass è possibile osservare quanto segue:

  • con l’articolo 3 rubricato “Durata delle certificazioni verdi COVID-19 la durata dello stesso passa da 12 a 9 mesi dal comlpetamento del ciclo vaccinale primario o dalla somministrazione di richiamo (cosiddetta “terza dose”);
  • con l’articolo 4 rubricato “Estensione dell’impiego delle certificazioni verdi COVID-19” l’obbligo di Green Pass viene esteso a ulteriori settori: alberghi; spogliatoi per l’attività sportiva; servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale; servizi di trasporto pubblico locale.

Super Green Pass

Relativamente al “Super Green Pass” è possibile osservare che, in riferimento all’articolo 6 (rubricato “Disposizioni transitorie”) del provvedimento, a decorrere dal 6 dicembre 2021 viene introdotto il “Suer Green Pass” o “Green Pass rafforzato”; vale solo per coloro che sono o vaccinati o guariti. Il nuovo Certificato verde serve per accedere ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla nei seguenti ambiti:

  • spettacoli
  • spettatori di eventi sportivi
  • ristorazione al chiuso
  • feste e discoteche
  • cerimonie pubbliche.

In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere i soli detentori del Green Pass rafforzato. Dal 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022 è previsto che il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in zona bianca.per lo svolgimento delle attività, che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla.

Super green pass e green pass normale: differenze

La differenza principale tra Super Green Pass e Green Pass risiede nella vaccinazione: il primo è rilasciato a chi ha completato almeno il ciclo di vaccinazione primario (due dosi, una nel caso di Johnson&Johnson); il secondo invece è riservato a chi ha solo effettuato un tampone negativo.

Con il supergreen pass è possibile accedere a:

  • ristoranti
  • cinema
  • teatri
  • stadi
  • attività sociali e ricreative in generale.

Il green pass con tampone sarà utilizzabile invece solo per:

  • recarsi al lavoro
  • prendere mezzi di trasporto a lunga percorrenza
  • accedere ad alberghi
  • accedere agli spogliatoi per l’attività sportiva
  • utilizzare mezzi di trasporto ferroviario regionale
  • utilizzare mezzi trasporto pubblico locale, con controlli effettuati a campione. 

A partire dal 6 dicembre e fino al 15 gennaio 2022. l'accesso a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche sarà quindi consentito in zona bianca e gialla solo a chi ha il Super Green Pass, quindi solo a chi ha effettuato il vaccino o è guarito dal Covid.
Inoltre, nel caso in cui una Regione dovesse andare in zona arancione, le restrizioni varrebbero solamente per chi non ha il super green pass.

A partire dal 6 dicembre quindi i non vaccinati potranno solo recarsi a lavoro e utilizzare i mezzi di trasporto, previo rilascio di certificazione verde a seguito di tampone con esito negativo.

Obbligo vaccinale per alcune categorie

Il Decreto ha esteso a partire dal 15 dicembre l'obbligo vaccinale alle seguenti categorie:

  • personale amministrativo della sanità
  • docenti e personale amministrativo della scuola
  • militari
  • personale di polizia
  • personale di soccorso pubblico.

A partire dalla stessa data, la terza dose di vaccino sarà obbligatoria per il personale sanitario

Schema di disegno di legge

In allegato il testo dello schema di disegno di legge approvato dal Consiglio dei Ministri di ieri con le misure urgenti per il contenimento del COVID-19.

Documenti Allegati