#italiasicura: Le Linee guida 2.0 per le attività di contrasto del rischio idrogeologico

E’ stata pubblicata oggi la nuova versione delle “Linee guida per la progettazione delle opere contro il dissesto idrogeologico” che tiene conto della fase d...

08/09/2016
© Riproduzione riservata
#italiasicura: Le Linee guida 2.0 per le attività di contrasto del rischio idrogeologico

E’ stata pubblicata oggi la nuova versione delle “Linee guida per la progettazione delle opere contro il dissesto idrogeologico” che tiene conto della fase di dibattito pubblico e, quindi, delle tante osservazioni e dei suggerimenti pervenuti in questi mesi. Il dibattito, resta, comunque aperto.

Le Linee guida sono state realizzate nella consapevolezza che collaborazione proattiva dei territori, polifunzionalità degli interventi e integrazione delle diverse strategie di mitigazione del rischio sono necessarie per ottenere buoni risultati in un settore, come quello della prevenzione, che interessa di fatto ogni singolo cittadino.

Il documento si articola in singole sintetiche schede, relative alle tematiche che maggiormente incidono sull’efficacia degli interventi, ovvero: 

  • la valutazione del rischio anche residuo, e definizione della relativa gestione; 
  • la valutazione comparata delle diverse opzioni tecniche praticabili;
  • la coerenza con la pianificazione e programmazione vigenti; 
  • l’analisi sistemica con particolare riguardo ai fenomeni indotti ed alla verifica dell’intero ciclo di vita dell’opera; 
  • le specifiche valutazioni di carattere idrologico, idraulico fluviale e geologico; 
  • gli effetti sulla morfodinamica fluviale e costiera, sull’ecosistema, sulla chimica delle acque e sugli aspetti sociali ed economici; 
  • le considerazioni sulla resilienza dell’intervento, anche in relazione a scenari di cambiamento climatico.

Le schede, oltre a utili note di carattere tecnico, normativo e regolamentare, fanno riferimento a una vasta base di conoscenza, costruita in un dialogo serrato e positivo con il mondo delle professioni, e i cui singoli contributi vengono quindi condivisi integralmente. Le schede, a loro volta, sono strutturate nelle seguenti 6 sezioni:

  1. Indice di rilevanza rispetto ai fenomeni alluvionali, geomorfologici di versante e marittimi/costieri
  2. Inquadramento generale
  3. Indicazioni
  4. Riferimenti normativi specifici 
  5. Rimandi ai contributi pervenuti
  6. Riferimenti bibliografici e operativi specifici.

A cura di Ufficio Stampa #ItaliaSicura

Documenti Allegati