Modello Iva e Certificazione unica: ecco le novità per il 2023

Il Fisco mette a disposizione le bozze dei nuovi modelli con le relative istruzioni. Diverse le novità per i contribuenti, dal bonus carburante ai nuovi criteri per le detrazioni di familiari a carico

di Redazione tecnica - 19/12/2022
© Riproduzione riservata
Modello Iva e Certificazione unica: ecco le novità per il 2023

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibili sul proprio sito le bozze dei modelli Iva 2023Certificazione unica 2023 con le relative istruzioni. Diverse le novità previste quest’anno: vediamole nel dettaglio.

Modello IVA 2023 e CU 2023: tutte le novità per il prossimo anno

Come segnala il Fisco, nel modello IVA 2023 è stato introdotto il nuovo quadro CS, destinato all’assolvimento degli adempimenti dichiarativi da parte dei soggetti passivi del contributo straordinario contro il caro bollette previsto dall’articolo 37 del D.L. n. 21/2022. Il quadro va compilato esclusivamente dai soggetti per i quali ricorrono le condizioni per l’applicazione del contributo e che sono tenuti ad effettuare i versamenti stabiliti dalla norma.

Tra gli altri aggiornamenti, anche l’introduzione nel quadro VO della possibilità per le imprese enoturistiche di revocare la scelta espressa in precedenza di essere soggette alla detrazione dell’Iva e alla determinazione del reddito nei modi ordinari.

Per quanto riguarda la Certificazione unica 2023, tra le novità previste si evidenziano:

  • la gestione del bonus carburante, escluso da imposizione fiscale fino a un massimo di 200 euro per lavoratore e riconosciuto dai datori di lavoro privati
  • i nuovi criteri per l’attribuzione delle detrazioni per familiari a carico, che tengono conto dell’assegno unico e universale (AUU) corrisposto da Inps Da marzo 2022 e della fine del regime precedente di detrazioni fiscali per figli a carico minori di 21 anni;
  • le nuove modalità di attribuzione del trattamento integrativo riconosciuto in caso di reddito complessivo non superiore a 15mila euro, ma attribuibile, in presenza di determinati requisiti, anche in caso di reddito fino a 28.000 euro.