Ordine Architetti Palermo: due liste per il rinnovo del Consiglio

Dall'1 al 10 Giugno 2021 si terranno le votazioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Palermo. Ecco le due liste a confronto

di Danilo Maniscalco - 28/05/2021
© Riproduzione riservata
Ordine Architetti Palermo: due liste per il rinnovo del Consiglio

Sono indette tra l'1 e il 10 Giugno 2021 le votazioni per il rinnovo del nuovo Consiglio direttivo dell’Ordine degli Architetti Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori della provincia di Palermo.

15 nuovi consiglieri per i prossimi 4 anni

Gli iscritti eleggeranno 15 Consiglieri, i quali a loro volta eleggeranno il Presidente che starà in carica unitamente a tutti gli eletti per i prossimi quattro anni. Alle prossime elezioni competeranno due liste formate da 15 candidati e un presidente designato, e alcuni candidato indipendenti.

Ho avuto modo di intervistare i due candidati presidenti, l'arch. Iano Monaco della lista Valore Architetto, l'arch. Dario Bonanno della lista CasArchitetti e il candidato indipendente arch. Giovanni B. Prestileo. Di seguito la mia intervista unitamente ad una analisi dei componenti della lista

La lista Valore Architetto con Iano Monaco Presidente

Nella lista Valore Architetto che supporta la candidatura di Iano Monaco a presidente, figurano 6 architetti agé (tra cui Monaco è il più diversamente giovane: 1947) e 9 giovani; 5 donne e 10 uomini; 13 liberi professionisti e 2 funzionari pubblici (Roberto Termini dell’UT Comunale di Palermo, Nino Polizzi dell’Assess. Reg. Territorio Ambiente.

La più giovane è Giulia Canale (30 anni), il più giovane Alberto Proto (36 anni).

Abbiamo incontrato nella mattina dello scorso 13 maggio il candidato presidente per un dialogo ideale aperto e informale, nel suo studio di piazza Chopin, tra fotografie e disegni di progetto nell’attico dal quale è una costante lo sguardo aperto sul Monte Pellegrino.

Monaco, 74 anni, laureatosi a Firenze nel 1970 con una tesi in Composizione, relatore Silvestro Bardazzi, tra i suoi docenti tiene a ricordare Leonardo Ricci e Leonardo Savioli e quell'incontro voluto e cercato con Giovanni Michelucci. È stato già consigliere dell’Ordine nel nei primi anni Settanta, nel 1988, nel 1994 e nel 2013, ha come hobby lo sport e la canoa in particolare, alla domanda relativa su quale sia il suo architetto/maestro preferito non esita un istante e risponde secco: “Louis Kahn” e in questa risposta convergono immediate e puntuali decine di suggestioni che attraversano la vita professionale di un progettista capace, raffinato e garbato, ancora oggi impegnato in diversi cantieri importanti.

Abbiamo posto alcune domande, le stesse, a entrambe i candidati, ecco qui le risposte.

Perché gli architetti iscritti dovrebbero votare per la tua lista?

Perché la lista è interamente composta da architetti che nello svolgere il proprio mestiere, credono in quello che fanno, nel farlo assumono sempre un comportamento etico, vogliamo insieme mettere il naso nelle questioni della città che riguardano il bene di tutti e vogliamo farlo bene, e per questo chiedo di votare tutti i componenti della lista che presiedo.

Cosa può e deve fare il “nuovo Ordine” per i suoi iscritti?

Deve soprattutto interessarsi dei giovani iscritti e affiancarli per aiutarli ad orientarsi nel caos di oggi, deve stare lì dove stanno i tavoli, dove si fanno le leggi, si pensano le norme ed i regolamenti e divenire l’interlocutore necessario e imprescindibile e questo sempre per il bene comune. Abbiamo il dovere etico di dare risposte a problemi reali e nel farlo dobbiamo farci capire da tutti. Abbiamo la responsabilità della cura e della costruzione della bellezza.

Ti impegni come figura apicale di rappresentanza della tua squadra ad uno sforzo culturale serio in direzione della valorizzazione della identità storica dell'Ordine attraverso mostre, pubblicazioni, eventi diretti a far conoscere le opere di architettura contemporanea palermitana?

Grande danno o grande bene, se ci fai caso è tutto un nodo legato alla capacità che hai di comunicare. L’Ordine deve essere presente e deve farlo bene aprendo la propria “bella” storia a tutti e non solo agli iscritti, quindi ti rispondo si.

Puoi assicurare che la tua lista non sarà orientata politicamente?

Assolutamente si. Ognuno di noi ha le sue idee ma il consiglio deve essere e lo sarà rigorosamente apartitico.

Cosa ti hanno insegnato i tuoi maestri e chi sono stati?

Mio padre Giusto, mi ha insegnato ad ascoltare, ad avere rispetto dei miei interlocutori e soprattutto ad esser sempre chiaro.

Tutti i componenti della lista Valore Architetto

Prima di congedarci tiene a ribadire che la forza della sua candidatura è la forza del suo gruppo e allora ecco qui di seguito i nomi e le specifiche sintetiche degli altri quattordici architetti liberi professionisti componenti la lista.

CESARE ARANGIO
47 anni, Esperienza maturata nel settore delle cooperative edilizie, housing sociale e cooperative di comunità, nel restauro per Enti Locali e privati. . Esperto valutatore immobiliare secondo International Valuation Standard.

LINA BELLANCA
Già Soprintendente ai BB.CC.AA. di Palermo, ha svolto dal 1990 al 2020 attività di tutela e restauro dei monumenti presso la Soprintendenza Beni Culturali di Palermo dirigendo importanti cantieri di restauro a Palermo e provincia (Cattedrale, Cappella Palatina, Palazzo Ajutamicristo a Palermo, villa Cattolica a Bagheria, Castello di Marineo, Terme di Cefalà Diana, Chiesa di San Benedetto a Caccamo).

CINZIA BELLAVIA
(Agrigento 1969) si laurea con lode con una tesi di progettazione architettonica nel 1996. Nel 2012 fonda CuBe Studio,un luogo fisico ma anche mentale, dove trova rifugio l'architettura contaminata dalle arti minori

GIULIA CANALE
30 anni, Laureata nel 2014 a Palermo, ha subito iniziato il suo percorso lavorativo, collaborando con studi professionali, società, e svolgendo un periodo di ricerca all'estero. Ha lavorato ai primi progetti BIM in Sicilia co-fondando Young Architects Palermo e Up - United Pro. Oggi svolge prevalentemente l’attività di BIM Manager.

ISABELLA DAIDONE
37 anni, Dottore di ricerca presso Unipa. Ha svolto attività di studio presso la Sorbona di Parigi (2012-13). Ha vinto il “Premio Experia Expo Milano 2015”, il “Premio Bergamo Architettura 2011” svolge attività di progettazione e di ricerca intenta ad approfondire l'impatto dell'architettura sulla società, è Consigliere uscente con la delega Università e tirocini.

CARMELO GALATI TARDANICO
43 anni, Dottore di Ricerca in Pianificazione Urbana e Territoriale, si occupa inoltre di ricerca scientifica presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo quale componente dell’Augmented City Lab diretto dal prof. Maurizio Carta. Progettista, esperto di rigenerazione urbana e di politiche di sviluppo locale, è consulente di ISRI e di DELOITTE, è Direttore del Distretto Turistico della Targa Florio.

GIUSEPPINA LEONE
Classe 1973, dopo la laurea in architettura presso la facoltà di Palermo consegue il Dottorato di ricerca in storia dell’architettura e restauro presso l’Università degli Studi di Palermo. Da anni lavora come libera professionista occupandosi di edilizia residenziale e di progetti relativi all’inserimento delle opere nel paesaggio.

EMANUELE NICOSIA
59 anni, si occupa prevalentemente di opere pubbliche, di restauro e di organizzazione di eventi culturali. Ha conseguito la specializzazione in Conservazione dell’architettura storica ed in Architettura ecologica. Ha ricoperto la carica di delegato INARCASSA ed il ruolo di direttore di redazione del magazine Inarcassa welfare e professione. Socio fondatore del comitato Professionisti Liberi di Palermo, attualmente è membro del Consiglio di Disciplina dell’Ordine.

MAURO PANTINA
48 anni, nel 2000 si laurea con lode con tesi sul restauro della Chiesa del Carmine di Mazara con cui vince il concorso Mediarea - sezione tesi di Laurea. Nello stesso anno vince il concorso di dottorato in storia dell'architettura. Esercita la professione soprattutto nel campo delle energie rinnovabili nel campo commerciale e delle abitazioni private.

WALTER PARLATO
Ha al suo attivo diverse realizzazioni e partecipazioni a concorsi internazionali. È nel team della direzione dei lavori per la realizzazione del centro per le biotecnologie e la ricerca biomedica della Ri.Med a Carini, è da poco subentrato come presidente dell'Ordine al predecessore Franco Miceli.

NINO POLIZZI
60 anni, pubblico dipendente, è stato Consigliere dell’Ordine. Svolge la propria attività professionale nei ruoli del personale della Regione Siciliana; dal 1990 al 2013 presso la Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo. È stato componente del Centro Regionale dei BB.CC. Dal 2013 è in servizio presso il Dipartimento dell’Ambiente dell’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente. Attualmente è vicepresidente dell’Albo regionale dei gestori ambientali presso il Mi.T.E.

ALBERTO PROTO
35 anni, fondatore dello studio NAU architetti, oggi si occupa di edilizia privata e lavori pubblici in ambito nazionale, è stato nominato Consulente tecnico regionale per l’Edilizia e l’Urbanistica. Co-fondatore di Young Architect Palermo, amministratore di un gruppo Facebook sull’Edilizia Privata da supporto ai colleghi per la risoluzione di problematiche edilizie oltre che continui aggiornamenti sulle procedure.

ROBERTO TERMINI
Pubblico dipendente, laureato presso l’Università degli Studi di Palermo, ha collaborato con lo Studio degli architetti Pirrone-Renda-Salvato per interventi di restauro del Teatro Massimo di Palermo e progettazione architettonica. Dal 1999 svolge servizio come Funzionario Tecnico Architetto al Comune di Palermo, oggi coordina la Direzione Tecnica dell’Ufficio Sportello Unico Edilizia della Città di Palermo, svolgendo l’attività di Responsabile Unico del Procedimento e Coordinatore della Sicurezza in Progettazione ed Esecuzione.

ALE SIMON
37 anni si è laureato in Scienze dell'Architettura presso l’Università degli Studi di Palermo, è partner fondatore dello studio Shapelab 3.0. Gia Rappresentante nel consiglio della Facoltà di Architettura e presidente dell’associazione A.I.S.A. (Associazione Italiana Studenti di Architettura).

La lista CasArchitetti con Dario Bonanno presidente

Nella lista CasArchitetti che supporta la candidatura di Dario Bonanno a presidente, figurano 5 donne e 10 uomini, tutti/e liberi professionisti o pubblici dipendenti di Palermo e provincia.

Il più giovane è Riccardo Villanti (32anni), la più giovane Giovanna Milazzo (41 anni).

Abbiamo incontrato nel pomeriggio dello scorso 13 maggio il candidato presidente per un dialogo ideale aperto e informale, nel suo studio di via Mariano Stabile, nello storico Palazzo Tagliavia, scorcio suggestivo dei cosiddetti “Quattro Canti di Campagna”.

Bonanno, 47 anni il prossimo agosto, laureatosi a Palermo nel 2001 con una tesi in Restauro, relatrice Maria Teresa Marsala, ha conseguito un master in Sviluppo Manageriale alla Luiss nel 2009 e svolge la libera professione unitamente all'attività manageriale presso aziende pubbliche e private, dal 2015 è delegato Inarcassa. Ha come hobby il giardinaggio, alla domanda relativa su quale sia il suo architetto/maestro preferito la risposta cade sul maestro giapponese Tadao Ando, protagonista della culturale progettuale asiatica sin dagli anni Ottanta.

Abbiamo posto alcune domande, le stesse, a entrambe i candidati, ecco qui le risposte di Bonanno.

Perché gli architetti iscritti dovrebbero votare per la tua lista?

Perché la lista composta dagli architetti che supportano la mia candidatura a presidente, rappresenta il vero cambiamento e non la prosecuzione con questi ultimi venti anni.

Cosa può e deve fare il “nuovo Ordine” per i suoi iscritti?

Deve rivalutare senza perdere tempo il ruolo del professionista a Palermo e nella sua provincia e deve essere finalmente incisivo nelle interlocuzioni con le istituzioni, per affrontare le tematiche relative ai rapporti complessi con gli uffici, abbiamo immaginato infatti di costituire un vero e proprio front office permanente all'interno del Polo tecnico del comune di Palermo per aiutare davvero i nostri iscritti.

Ti impegni come figura apicale di rappresentanza della tua squadra ad uno sforzo culturale serio in direzione della valorizzazione della identità storica dell'Ordine attraverso mostre, pubblicazioni, eventi diretti a far conoscere le opere di architettura contemporanea palermitana?

Si. E aggiungo che bisogna implementare un tipo di formazione su argomenti reali che abbiano ricadute sulla nostra professione, bisogna promuovere un'idea di città che torni a parlare di bellezza perché una città più bella è una città più vivibile e armonica per tutti, in cui ogni cittadino si senta parte della comunità e dei suoi luoghi.

Puoi assicurare che la tua lista non sarà orientata politicamente?

Assolutamente si. Nella mia lista ci sono colleghi con posizioni politiche diverse, una rappresentanza apartitica e trasversale e vorrei aggiungere che fino ad un mese fa, con metà almeno dei candidati c'era una semplice conoscenza professionale ma non una frequentazione attiva, abbiamo composto la lista volutamente senza alcun tipo di appartenenza e rivendico la scelta d'aver voluto che almeno la metà dei candidati fossero scelti su base provinciale per rappresentare così tutto il territorio e non solo la città.

Cosa ti hanno insegnato i tuoi maestri e chi sono stati?

La mia famiglia, lì ho trovato gli esempi.

Tutti i componenti della lista CasArchitetti

Prima di congedarci tiene a ribadire anch'esso che la forza della sua candidatura è rappresentata dalla forza del suo gruppo e allora ecco qui di seguito i nomi e le specifiche sintetiche degli altri quattordici architetti liberi professionisti componenti la lista:

MARIA DE BELLIS
Laurea in architettura conseguita nel 2002. Iscritta all'albo dal 2003, dal 2004 è CTU presso il Tribunale di Palermo e Perito Estimatore, funzionario tecnico part-time presso il Comune di Palermo dal 2001 al 2014 Settore Edilizia Privata, dal 2014 al 2017 presso l’Ufficio Città Storica e dal 2017 ad oggi OO.PP. RUP Componente Commissione anticorruzione presso il SUAP, svolge attività libero professionale dal 2003.

ROSALIA GUZZO
Laurea in Architettura nel 1990, iscritta all’ordine dal 1991. Ha acquisito la Specializzazione in Storia dell’Arte Medievale e Moderna, vincitrice di diversi concorsi a cattedra. Dal 1991 al 2005 ha esercitato la libera professione e ha insegnato Storia dell’Arte, dal 2005 è Funzionario Architetto presso il Comune di Palermo Settore Città Storica. Dal 2016 ad oggi è in carico nel Settore Edilizia Pubblica, dove dal 2020 riveste l’incarico di P.O. Responsabile Coord.to “Attuazione di Opere Pubbliche di Interventi complessi e ristrutturazioni”.

GIOVANNA MILAZZO
Iscritta all’Ordine dal 2017, è docente formatore di AutoCAD e 3D studio Max, dal 2017 è docente di Storia dell’Arte e Tecnologia presso istituti di istruzione superiore di primo e secondo grado. Libero professionista con incarichi da Enti Pubblici e Privati.

TIZIANA PLANO
Iscritta all’Ordine dal 1998, ha collaborato con studi di Architettura in ambito di progettazione e restauro. Docente di storia dell’arte presso Istituto di istruzione superiore di secondo grado.

MARIA PIAZZA
Laureata nel 1988, fino al 1996 ha svolto la libera professione e da questa data ha iniziato un rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione e gli Uffici Tecnici del Comune di Bagheria. Dal 2017 svolge funzioni dirigenziali presso lo stesso Ente comunale, per l’area Urbanistica.

SALVATORE LO CASCIO
Laureato nel 2000, formazione manageriale in Project e Management presso il Dipartimento produzione meccanica UNIPA. Da esterno ha occupato ruoli dirigenziali nell’Amministrazione Regionale. Nel 2001 fonda lo studio “SLC Architects” che opera nel campo della progettazione architettonica ed urbanistica.

PIETRO ALBANESE
Dal 2001 è iscritto all’ordine, tecnico presso l’ufficio Lavori Pubblici del Comune di Monreale. Master in restauro, attestato 3D studio Max.

ANTONIO DOLCE

Laureato nel 1987, fino al 1989 arruolato come “Sten genio pionieri” a Pavia. Libero professionista fino al 2004. Responsabile Lavori Pubblici e Urbanistica al Comune di Sciara fino al 2009. Consulente tecnico del sindaco del Comune di Cerda dal 1998 al 2003. Componente CEC di Aliminusa, Cerda e Sciara fino al 2009. Esperto di edilizia cimiteriale. Dal 2019 Responsabile del settore Urbanistica del Comune di Castelbuono. Dal 2009 al 2019 si occupa di Edilizia Privata. Dal 1998 al 2007 Lavori Pubblici.

MAURIZIO MATITA
Iscritto all’ordine dal 2012, abilitato all’esercizio della professione di Architetto J. e Pianificatore J. Svolge l’attività professionale presso Enti Pubblici e nel settore privato, ha conseguito il Master di I° livello in Sicurezza Gestione Ambientale (I.C.);

GIUSEPPE VACCARELLA
Iscritto all’ordine dal 1989, libero professionista con incarichi da Enti Pubblici e Privati.

CARMELO DI SALVO
Laureato ed abilitato presso la Facoltà di Architettura Sez. A Sett. A nel 2005, iscritto all’Ordine dal 2006. Libero professionista svolge l’attività nel campo della progettazione architettonica e interior design.

NICOLA ANDO’
Laureato nel 2010, abilitato alla professione nel 2011. Socio fondatore dello studio “DIDEA” che si occupa di progettazione architettonica e Interior design.

RICCARDO VILLANTI
Laureato alla facoltà di Architettura nel 2013, Iscritto all’Ordine dal 2018, ha collaborato con vari studi di architettura, conduce la libera professione.

FABIO MINEO
Laureato nel 2001 presso la facoltà di Architettura di Palermo con indirizzo tecnologico, abilitato e iscritto all'ordine nel 2002, esercito la libera professione dal 2002 impegnandosi in progetti di opere pubbliche ed edilizia privata, specializzandosi nel calcolo strutturale di edifici privati e pubblici con strutture in c.a., legno e muratura.

Il candidato indipendente Giovanni B. Prestileo

Perché gli architetti iscritti dovrebbero votarti?

Non ho una lista e mi candido da indipendente perché ritengo di rappresentare quei colleghi che nel silenzio assordante della quotidianità professionale “impattano”, giorno per giorno, contro un muro di gomma che è la burocrazia, l'inefficienza e il caos normativo determinato dal tardivo e confusionario recepimento del Testo Unico. Caos che ha relegato, sempre di più, il progetto di architettura ai margini dell'interesse professionale.

Cosa può e deve fare il “nuovo Ordine” per i suoi iscritti?

RappresentarLi e rappresentare nelle opportune sedi le loro problematiche, le loro istanze e il loro disagio, umano e professionale, acuito da una profonda crisi economica che sembra non finire mai. 

Ti impegni ad uno sforzo culturale serio in direzione della valorizzazione della identità storica dell'Ordine attraverso mostre, pubblicazioni, eventi diretti a far conoscere le opere di architettura contemporanea palermitana?

Sicuramente e ritengo che la neonata Fondazione possa costituire per l'Ordine un importante volano per la conoscenza del patrimonio architettonico storico e contemporaneo, senza perdere di vista la necessità di una reale formazione professionale.  

Puoi assicurare che non sarai orientato politicamente?

Non sono un qualunquista. Ho una mia identità politica ma qui non c'è da governare il Paese bensì   tutelare e rispondere concretamente agli iscritti.

Cosa ti hanno insegnato i tuoi maestri e chi sono stati?

Devo ancora imparare tanto.

GIOVANNI B. PRESTILEO

Architetto e dottore di ricerca, nasce nel 1962 a Palermo dove vive e lavora. Dal 1991 svolge la libera professione e fino al 2009 è stato docente a contratto nelle facoltà di architettura di Palermo, Enna e Siracusa. Oggi si occupa dei diversi ambiti della professione affrontando soprattutto progetti di ristrutturazione e riqualificazione del costruito.

Come, dove e quando si vota

Si vota dall'1 al 10 giugno (2 festivo e 6 domenica non si vota), esprimendo 15 preferenze (14 sez. A, 1 Sez. B).
Dall'1 al 5 giugno tutti potranno votare  presso la sede dell'Ordine 

NEI SOLI GIORNI DAL 7 AL 10 i seggi elettorali saranno due:

  • il Seggio presso il Cinema De Seta (presso i Cantieri culturali della Zisa) sarà riservato esclusivamente ai votanti il cui cognome è compreso tra le lettere A ed L;
  • il Seggio presso la sede sarà riservato esclusivamente ai votanti il cui cognome è compreso tra le lettere M e Z.

 

Buon voto a tutti!