Premio internazionale Domus Restauro e Conservazione: iscrizioni aperte

C’è tempo fino a mercoledì 1° dicembre per iscriversi all’VIII edizione del prestigioso premio dedicato a progetti di restauro contemporanei e a ristrutturazioni

di Redazione tecnica - 10/11/2021
© Riproduzione riservata
Premio internazionale Domus Restauro e Conservazione: iscrizioni aperte

Torna il Premio Internazionale di Restauro ArchitettonicoDomus Restauro e Conservazione Fassa Bortolo” – Opere realizzate, manifestazione che vuole dare visibilità a progetti di restauro contemporanei ma anche a ristrutturazioni.

Premio internazionale Domus Restauro e Conservazione Fassa Bortolo: l’ottava edizione

Giunto all’VIII edizione, il Premio Domus Restauro e Conservazione Fassa Bortolo è rivolto a singoli progettisti, raggruppamenti temporanei, studi di architettura-ingegneria e alle imprese di costruzione che hanno portato a compimento l'intervento candidato.

Dalla Quinta edizione nel 2015, è stato introdotto il “Premio Speciale Fassa Bortolo”, un riconoscimento che viene assegnato a coloro che nel rispetto dei principi conservativi, della sostenibilità e della qualità architettonica abbiano saputo utilizzare le soluzioni appartenenti al Sistema Integrato Fassa Bortolo ovvero ai principali Sistemi a esso connessi.

Il montepremi totale della presente edizione è di 13.000 euro.

La deadline per l'iscrizione al concorso è fissata per il 01 dicembre 2021 e quella per l’invio digitale degli elaborati per il 20 Dicembre 2021.

Bando e modulo di iscrizione sono disponibili sul sito www.premiorestauro.it

Cos’è il Premio Internazionale di Restauro Architettonico “Domus restauro e conservazione Fassa Bortolo”

Ideato e promosso nel 2010 da Fassa SpA, titolare del marchio “Fassa Bortolo”, e dalla Facoltà di Architettura di Ferrara, iI Premio Internazionale di Restauro Architettonico denominato “Domus restauro e conservazione Fassa Bortolo” nasce dalla volontà di premiare e far conoscere ad  ad un ampio pubblico restauri architettonici che abbiano saputo interpretare in modo consapevole i princìpi conservativi nei quali la comunità scientifica si riconosce, anche ricorrendo a forme espressive contemporanee.

Il Premio voluto e ideato in collaborazione con Fassa S.r.l. vuole inoltre riconoscere la fondamentale importanza rivestita dalle imprese coinvolte nei restauri, arrivando a premiare i progettisti del settore privato o pubblico e le Ditte di restauro che hanno realizzato le opere. II riconoscimento è indirizzato ad individuare non solo i progettisti, ma anche le imprese specializzate che hanno realizzato i lavori di restauro per l’importanza che in questo settore rivestono le competenze imprenditoriali.

Il premio ha cadenza annuale ed è suddiviso in due sezioni che si alternano ogni anno:

  • opere realizzate: vengono premiati i progettisti del settore privato o pubblico e le Imprese che hanno lavorato nelle opere selezionate;
  • progetti elaborati come Tesi (di Laurea, Master, Specializzazione o Dottorato).

Sono assegnati per ciascuna sezione un Premio al primo classificato (medaglia d’oro) e due alle opere e ai progetti ritenuti, a giudizio della giuria, meritevoli per aspetti particolari (medaglie d’argento). La Giuria, se lo riterrà opportuno, potrà individuare ulteriori Menzioni Speciali e definire in maniera diversa la distribuzione del montepremi.

  • Per la sezione delle “opere realizzate”, le candidature al Premio possono essere presentate da professionisti singoli o studi di architettura-ingegneria e dalle relative Ditte che hanno compiuto i lavori di restauro; ogni singolo candidato o gruppo potrà partecipare con un solo progetto realizzato. L’opera dovrà essere stata realizzata ed ultimata nell’arco degli ultimi 10 anni.
  • Per la sezione dei “progetti elaborati come tesi di laurea” le candidature al Premio possono essere presentate da persone singole o gruppi che hanno discusso progetti elaborati come Tesi di laurea negli ultimi 5 anni dalla pubblicazione del bando presso una facoltà di architettura o ingegneria-architettura, o istituti di formazione equivalenti, ottenendo una votazione non inferiore a 100/110 o equivalente.