Riduzione rischio sismico: accordo CNI e Casa Italia

L'intesa ha come obiettivo l'integrazione dei database per agevolare l’attività dei professionisti sugli interventi legati al Sismabonus

di Redazione tecnica - 15/02/2022
© Riproduzione riservata
Riduzione rischio sismico: accordo CNI e Casa Italia

Riduzione rischio sismico e accesso ad interventi agevolati con il Sismabonus: il Consiglio Nazionale degli Ingegneri e il Dipartimento Casa Italia hanno siglato un accordo finalizzato alla realizzazione di una piattaforma progettata sia per i professionisti che per i proprietari di immobili.

Riduzione rischio sismico e sismabonus: l'accordo CNI e Casa Italia

Attraverso l’integraZione delle banche dati a propria disposizione, CNI e Casa Italia forniranno uno strumento utile alla conoscenza dello stato di sicurezza del patrimonio edilizio del Paese. In particolare, l’accordo:

  • definisce le modalità attraverso cui viene assicurato l’interscambio con il PNCS (Portale Nazionale delle Classificazioni Sismiche) dei dati identificativi dei professionisti abilitati al rilascio delle asseverazioni di cui al decreto ministeriale n. 58/2017 e ss.mm. e ii., disponibili presso gli archivi informatici del Consiglio Nazionale degli Ingegneri;
  • disciplina i rapporti tra le Parti funzionali allo svolgimento di un’attività di sperimentazione delle funzionalità del PNCS, attraverso cui raccogliere suggerimenti e indicazioni da parte degli utilizzatori diretti (professionisti) utili alla ottimizzazione e razionalizzazione del portale;
  • definisce opportune modalità per lo svolgimento di attività di informazione e di sensibilizzazione rivolte in particolare al pubblico dei professionisti abilitati al rilascio delle asseverazioni, finalizzate a promuovere l’utilizzo delle funzionalità del PNCS.

Accordo CNI - Casa Italia: le attività operative

Le attività operative in capo al Consiglio Nazionale degli Ingegneri saranno attuate dalla sua Fondazione e prevedono anche la possibilità di consultare l’archivio degli iscritti agli Ordini territoriali dei professionisti abilitati all’esercizio delle professioni di “Ingegnere”, con lo scopo di consentirne l’identificazione e l’abilitazione all’accesso e all’utilizzo del PNCS e delle relative funzionalità.

Il Dipartimento Casa Italia invece si impegnerà ad attivare all’interno del PNCS un’apposita interfaccia informatica, basata su tecnologia SPID, attraverso cui provvedere all’identificazione univoca dei tecnici abilitati al rilascio delle asseverazioni di cui al decreto ministeriale n. 58/2017, e ss.mm. e ii., tramite interrogazione dell’archivio reso accessibile dal CNI mediante la Fondazione Consiglio Nazionale Ingegneri.

In questo modo, verrà attuato un processo di sviluppo digitale più ampio, da realizzare integrando database di altre amministrazioni, con un doppio obiettivo:

  • semplificare l’attività lavorativa dei professionisti incaricati di valutare l’efficacia degli interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico;
  • informare i proprietari degli immobili oggetto di intervento sull’entità dell’agevolazione fiscale Sisma Bonus ottenibile.