La rivoluzione nei servizi catastali è iniziata: arriva Sit

Maggiore semplicità di utilizzo e dati integrati per la nuova piattaforma telematica del Catasto già attiva in oltre 30 Uffici Provinciali.

di Redazione tecnica - 03/11/2021
© Riproduzione riservata
La rivoluzione nei servizi catastali è iniziata: arriva Sit

L’innovazione digitale dei servizi catastali è iniziata: l'Agenzia delle Entrate ha già adottato in 31 uffici provinciali la nuova piattaforma per i servizi catastali Sit – Sistema Integrato del territorio, a sostituzione di Territorio web, attiva totalmente già in 4 regioni di Italia (Emila-Romagna, Basilicata, Umbria e a breve Friuli Venezia Giulia) e che entro metà novembre sarà utilizzata dal 40% di tutti gli uffici.

Piattaforma Sit: i nuovi servizi del Catasto

Come specificato da Fisco Oggi, la nuova piattaforma Sit è caratterizzata dalla integrazione delle banche dati catastali e tramite essa verranno acquisiti, gestiti e conservati gli atti, gli elaborati censuari e planimetrici del catasto urbano e gli atti di aggiornamento geometrico del catasto dei terreni.

La gestione integrata delle informazioni contenute negli archivi cartografici e catastali è una novità molto importante anche per i tecnici professionisti che quotidianamente utilizzano e aggiornano gli archivi censuari e cartografici: ad esempio, con il nuovo applicativoVoltura 2.0 – Telematica”, rilasciato sulla “Scrivania del Territorio" cambiano le modalità di predisposizione e presentazione delle domande di voltura catastale.

Novità anche per il layout della visura catastale: non più  formato tabellare, ma in un documento descrittivo corredato da elementi grafici, in modo da risultare più facilmente comprensibile anche ai non addetti ai lavori.

Le caratteristiche del Sistema Sit

Il Sit permette una consultazione più semplice ed intuitiva e si basa sull’evoluzione dell’attuale sistema cartografico catastale. Il Sistema Integrato permette infatti maggiore dialogo tra le diverse informazioni georeferenziate, rendendole interoperabili e sovrapponibili.

In particolare, non c'è più suddivisione tra cartografia, archivio censuario terreni, urbano e planimetrico: al suo posto, un’infrastruttura unica fondata sulle logiche tipiche del Gis (Geographic Information System).

Tramite Sit è possibile quindi:

  • ottenere informazioni grafiche (elementi geometrici, posizionali e rappresentazioni del territorio) integrate con informazioni alfanumeriche (attributi censuari);
  • ottenere una corretta geolocalizzazione di ciascun immobile censito in Catasto;
  • corredare ogni immobile di informazioni identificative, tecniche, censuarie e reddituali;
  • permettere l’accesso alle funzioni e alle banche dati Omi.