DEFINITE LE QUALIFICHE

07/04/2006

2.100 volte
Dopo la firma del Presidente della Repubblica sul decreto legislativo con cui il Governo ha introdotto modifiche al codice dei beni culturali (Dlgs 42/2004) in materia di restauro, il provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Con il DLGS 42/2004, alle scuole di alta formazione vengono affiancati i "centri, anche a carattere interregionale, dotati di personalità giuridica", nati da accordi fra ministero e Regioni, "anche con il concorso delle università e di altri soggetti pubblici e privati".

Tra l’altro sono stati modificati:
  • l’articolo 29, che definisce la qualifica di restauratore e le modalità per ottenerla;
  • ’articolo 182, che detta le norme transitorie.
Con il nuovo articolo 29 viene stabilito che l’esame finale nelle scuole di alta formazione (l’Istituto centrale del restauro, l’Opificio delle pietre dure e l’Istituto centrale per la patologia del libro) abbia "valore di esame di Stato" e che "il titolo accademico rilasciato a seguito del superamento di detto esame" sia "equiparato al diploma di laurea specialistica o magistrale".

Con l’articolo 182 vengono dettate norme transitorie e nello stesso vengono elencati i soggetti che possono, in via transitoria, acquisire la qualifica di restauratore di beni culturali precisando che, oltre a coloro che hanno acquisito il diploma presso scuole di restauro statale, sono ammessi coloro che abbiano svolto per almeno otto anni attività di restauro "direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilità diretta nella gestione tecnica dell`intervento, con regolare esecuzione certificata dall’autorità preposta alla tutela dei beni" o dagli istituti centrali di restauro.
Possono, altresì, acquisire l a qualifica di restauratore di beni culturali anche coloro che hanno ottenuto un diploma biennale presso una scuola di restauro statale o regionale e abbiano svolto attività di restauro per almeno due anni.
Peraltro, possono accedere alla qualifica di restauratore, attraverso il superamento di una prova di idoneità, altre categorie, fra cui anche chi ha svolto un’attività di restauro per almeno quattro anni.
Con l’articolo 182 vengono, altresì, definite le modalità per ottenere la qualifica di collaboratore restauratore. © Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa