INCENTIVI PER LA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI DELLA CAMPANIA

29/05/2007

2.616 volte
Con Circolare Assessoriale del 22 maggio 2007 parte in Campania il bando per il riconoscimento dei centri storici di particolare pregio in Campania. L'Assessorato al Turismo ed ai Beni Culturali della Regione Campania: in attuazione della legge regionale 18 ottobre 2002 n.26 offre ai comuni la possibilità di chiedere il riconoscimento di centro storico di particolare pregio allo scopo di avere una via preferenziale per ottenere finanziamenti pubblici, europei e regionali.
Si invitano i Comuni interessati a presentare, entro il 31.12.2007, la richiesta di riconoscimento di “Centro Storico di Particolare Pregio” al seguente indirizzo:
REGIONE CAMPANIA
Settore Tutela Beni Paesistici, Ambientali e Culturali
Centro Direzionale – Isola A/6
80143 – NAPOLI

avendo cura di riportare sulla busta la seguente dicitura: “Riconoscimento di Centro Storico di Particolare Pregio” All’istanza deve essere allegata la seguente documentazione:
  • relazione storico-tecnica, a firma di tecnico abilitato, nella quale vengono elencati ed illustrati i caratteri che giustificano il riconoscimento, corredata dei seguenti elaborati:
    • adeguata documentazione bibliografica, iconografica e cartografica sullo stato dell’insediamento, sulla evoluzione storico-urbanistica, sulle stratificazioni, sovrapposizioni, adeguamenti e sostituzioni edilizie;
    • adeguata documentazione fotografica.
  • Delibera di Giunta Comunale con la quale l’Ente interessato approva la su menzionata relazione con i relativi allegati e formula richiesta di riconoscimento di “Centro Storico di particolare Pregio”.
In esito alla favorevole istruttoria da parte del Settore Tutele Beni Paesistici, Ambientali e Culturali, il Comune sottoscriverà un apposito disciplinare che prevede:
  • a) l’impegno del Comune ad adottare provvedimenti, tesi al mantenimento dei caratteri che hanno definito l’identificazione di “Centro storico di particolare pregio”;
  • b) la definizione dei tempi necessari al miglioramento degli standards di qualità edilizia ed urbanistica;
  • c) l’obbligo del Comune di comunicare ogni eventuale variazione rispetto alla situazione originaria;
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa