FIRMATO IL PROTOCOLLO D'INTESA SUL SOLARE TERMODINAMICO

04/12/2007

2.774 volte
“Il Lazio investe in ricerca e innnovazione il 2% del suo Prodotto interno Lordo: il doppio del livello nazionale. Nel Lazio ci sono quindi tutte le condizioni, politiche ed economiche, per dare vita a un grande progetto basato sulle fonti di energia rinnovabile”. Così il presidente Piero Marrazzo ha sottolineato la presenza della Regione Lazio nel giorno della firma dei primi tre protocolli d'intesa tra le Regioni Calabria, Puglia e Lazio e il ministero dell'Ambiente per la diffusione degli impianti di solare termodinamico.
Assieme al ministro Alfonso Pecoraro Scanio e al coordinatore del progetto,al premio Nobel Carlo Rubbia (che sarà a capo del gruppo di promozione delle energie rinnovabili in Italia) e ai presidenti Loiero e Vendola, Marrazzo ha siglato l'accordo che porterà a breve alla scelta di siti per la realizzazione di impianti di produzione di energia solare termodinamica.”Siamo pronti a investire nei prossimi anni 90 milioni, perchè è nostro interesse rispondere positivamente all'obiettivo del 20% di energie rinnovabili prodotto entro il 2020”.

Il solare termodinamico è una particolare tecnologia di produzione dell'energia dalla luce del sole che sfrutta il calore per riscaldare acqua ad altissime temperature (oltre 500 gradi) attraverso l'utilizzo di specchi concavi particolarmente efficaci.
In particolare il protocollo firmato ieri 3 dicembre prevede la nascita di un Comitato di gestione tecnico-scientifico che elaborerà gli indirizzi programmatici e gli interventi da realizzare sui territori. Marrazzo e Pecoraro Scanio hanno entrambi sottolineato come la scelta per questo tipo di impianti punterà su ex aree industriali dismesse o su terreni improduttivi, per non colpire aree oggi pregiate dal punto di vista naturalistico o impiegate in agricoltura.

La Regione Lazio ha già realizzato importanti investimenti sul solare termico, investendo oltre 1 milione e mezzo di euro in incentivi per l'uso domestico e industriale di questi impianti. A livello globale, la Regione ha poi investito 15 milioni di euro per l'anno 2007 e altri 15 milioni per il 2008. Nella foto il prof. Carlo Rubbia, il ministro Pecoraro Scanio e il Presidente Marrazzo.

Fonte: http://www.regione.lazio.it
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa