SISTEMA DI CERTIFICAZIONE ANTIMAFIA

27/03/2008

7.020 volte
Lo scorso 26 marzo 2008 presso il Centro Congressi Capranica - Montecitorio è stato presentato il SI.CE.ANT., Sistema automatizzato di Certificazione Antimafia.
Il SI.CE.ANT. è stato realizzato nell'ambito del Progetto Antimafia-SIDAPI, che si inquadra nel complesso sistema di interventi denominato “Progetto Governance”, avviato a partire dal 2001 dal Dipartimento della Funzione Pubblica, per accompagnare il processo di ammodernamento delle Amministrazioni Pubbliche alla luce del nuovo quadro costituzionale.

Il SI.CE.ANT. permetterà, d'ora in poi, il rilascio on line, direttamente alle Stazioni Appaltanti, delle certificazioni di nulla osta-antimafia relative alle imprese che partecipano agli appalti pubblici.
Sarà inoltre possibile erogare le medesime certificazioni antimafia, indispensabili per l'autorizzazione all'esercizio di attività professionali e/o per la concessione di licenze per il commercio, direttamente alle Amministrazioni richiedenti, liberando cittadini ed imprese dall'onere della richiesta alle Prefetture territorialmente competenti.
La connessione al sistema SI.CE.ANT., già in sperimentazione presso le Prefetture di Roma, Napoli e Catania, avverrà attraverso l'accreditamento delle stazioni appaltanti cui, a fini di sicurezza, verranno rilasciati appositi kit digitali di identificazione.
Il sistema, inoltre, permetterà la gestione automatizzata delle istruttorie da parte delle Prefetture territorialmente competenti, con conseguente riduzione dei tempi di attesa e di completamento delle procedure di appalto.

All’indirizzo internet www.interno.it sono rintracciabili utili informazioni sulla certificazione antimafia ed in particolare su:
  • Come accedere al Fondo di Solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso (legge 512/99)
  • Le procedure per ottenere il rilascio di certificazione antimafia
  • Appalti G.A.P.
  • Comunicazione antimafia
  • Informazioni antimafia
  • Vittime del terrorismo e della criminalità organizzata
A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa