Calamità naturali, da Inarcassa provvedimenti per Ischia e Livorno

27/09/2017

942 volte

Approvati nuovi provvedimenti previdenziali a favore degli architetti e ingegneri residenti nell'Isola di Ischia e a Livorno.

Lo ha deliberato il Consiglio di Amministrazione Inarcassa nella riunione del 22/09/2017 in cui ha stabilito dei provvedimenti in favore dei professionisti residenti:

  • nei comuni dell'Isola di Ischia, Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno colpiti dal terremoto dello scorso 21 agosto 2017, in coerenza con la deliberazione del Consiglio dei Ministri del 29 agosto 2017 (G.U. n. 204 del 1-09-2017);
  • nei comuni di Livorno, Rosignano Marittimo e Collesalvetti, interessati dagli eventi metereologici del 9 e 10 settembre 2017, identificati nella Delibera del Consiglio dei Ministri del 15 settembre (G.U. n. 221 del 21-09-2017).

Nel dettaglio è stato deliberato:

  • di adottare le eventuali future disposizioni normative che verranno emanate in tema di sospensione degli adempimenti dichiarativi e contributivi, riguardanti liberi professionisti - persone fisiche e/o giuridiche residenti nelle località colpite identificate da specifico provvedimento;
  • di esaminare le segnalazioni dei danni subiti a causa degli eventi calamitosi ai fini dell'assegnazione di eventuali contributi economici come previsti nello specifico Regolamento dell'Associazione.

Riguardo a quest’ultimo punto, è stato messo a disposizione degli iscritti il Modulo di segnalazione dei danni subiti da compilare e restituire ad Inarcassa, completo della documentazione richiesta, via pec a protocollo@pec.inarcassa.org, via posta a Inarcassa, Via Salaria 229 00199 Roma, via fax al n. 06-85274211, o via e-mail a protocollo@inarcassa.it.

Requisiti necessari

I richiedenti devono essere:

  • iscritti ad Inarcassa alla data dell’evento calamitoso;
  • in regola con gli adempimenti contributivi e dichiarativi;
  • residenti o con studio professionale dichiarato nei territori interessati dalle calamità naturali come tali riconosciute da apposite ordinanze governative o provvedimenti equivalenti;
  • proprietari, comproprietari, affittuari di immobili adibiti a studio professionale o ad uso promiscuo (studio professionale e residenza) danneggiati dall’evento calamitoso;
  • titolari di studi professionali ricadenti nelle aree colpite dagli eventi calamitosi che hanno danni ai beni strumentali.
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa