Edilizia sanitaria: 'Nessuno stanziamento per la Regione Emilia Romagna'

08/01/2019

973 volte

Non sono piaciute all'Assessore alle Politiche per la Salute della Regione Emilia Romagna, Sergio Venturi, le ultime dichiarazioni rilasciate da Maria Edera Spadoni, vice Presidente della Camera M5S, Davide Zanichelli, deputato M5S, Maria Laura Mantovani, senatrice M5S, e Gabriele Lanzi, senatore M5S, per le quali ci sarebbero più di 20 milioni di euro per l’Aou di Parma, oltre a 230 milioni di euro per la sanità piacentina e quote per "altri interventi in programma in Emilia Romagna e in altre regioni italiane”.

Dichiarazioni che, secondo l'assessore Venturi si scontrerebbero con la realtà. "Al di là del merito della vicenda - che non è affatto cosa fatta come la si vuol far intendere - sconcerta - afferma Venturi - che una Istituzione, in questo caso la Regione Emilia-Romagna, venga a sapere di un atto amministrativo del Governo, che la riguarda, dalle dichiarazioni alla stampa fatte da parlamentari del Movimento 5 Stelle. Siamo veramente al di sotto della soglia minima del rispetto dovuto alle Istituzioni, che sono cosa diversa dai partiti".

Mi spiace dover gettare acqua sul fuoco - continua Venturi - ma i fatti sono fatti, e la propaganda la lasciamo fare ad altri. Innanzitutto il Governo non ha stanziato un bel niente, il provvedimento di cui abbiamo avuto notizia dai giornali non impegna risorse”.

Secondo l'assessore regionale non è possibile parlare di "risorse disponibili pronte per essere impiegate". “Certo che no - precisa l’assessore Venturi - mettiamo in fila le cose. Due anni fa, il Governo Gentiloni invitò le Regioni a presentare un elenco di interventi che ritenevano necessari nelle proprie strutture sanitarie per far fronte ad “iniziative urgenti di elevata utilità sociale nel campo dell’edilizia sanitaria”. Cosa che abbiamo fatto anche noi, assieme alle altre Regioni italiane”.

Il Governo nei giorni scorsi - spiega Venturi- si è semplicemente limitato a trasmettere l’elenco delle richieste all’Inail, che è il soggetto che dovrà valutare e finanziare gli interventi. Quindi non è affatto detto che l’elenco delle opere presentate venga accettato da Inail così com’è. Inail che, su questo fronte, ha la disponibilità di un fondo di 700 milioni, stanziato dal Governo Gentiloni. Fondi che però non basteranno a sostenere tutte le richieste. Vedremo cosa vorrà fare l’attuale Governo, certamente noi ci impegneremo per dare risposte alle esigenze dell’Emilia-Romagna”.

E c’è di più - chiarisce l’assessore regionale alle Politiche per la Salute - Per le opere che verranno realizzate, la Regione dovrà pagare un affitto per trent’anni pari al 3% del costo di realizzazione. Quindi non diventeranno proprietà della Regione. E poi sono curioso di vedere come andrà a finire questa vicenda in casa del M5S. Perché? Perché quando abbiamo firmato il protocollo d’intesa per realizzare il nuovo ospedale di Piacenza, tra le opere comprese nel famoso elenco sbandierato oggi con entusiasmo da alcuni parlamentari del Movimento, a manifestare contro il nuovo ospedale c’erano proprio gli attivisti del luogo del M5S. Si mettessero d’accordo, almeno tra di loro…”.

Comunque, trovo davvero stupefacente questa vicenda - conclude Venturi- Manca completamente il normale garbo istituzionale. Non si approva un atto di governo senza comunicarlo agli interessati, ma solo - evidentemente - ai parlamentari di maggioranza, che intestano alla maggioranza stessa meriti che non ha. Nei giorni scorsi il Governo in carica ha semplicemente trasmesso un atto a Inail, non ha stanziato risorse. E questo è quanto. Da qui a declamare gli interventi che si auspica di realizzare, ce ne corre. Ci vuole serietà e correttezza istituzionale, che in questo caso - come in altri - è mancata”.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata

Abusi Edilizi
Romolo Balasso

Edizione: dicembre 2018
Prezzo: € 34.00


PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa