Messa in sicurezza edifici pubblici e del territorio: Il decreto con i comuni finanziati

15/03/2019

5.280 volte

Sulla Gazzetta ufficiale n. 62 del 14 marzo 2019 è stato pubblicato il Comunicato del Ministero dell’Interno recante “Assegnazione del contributo a favore dei comuni - Anno 2019 - per la realizzazione di interventi riferiti a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio” con cui è comunicata la pubblicazione, nel sito Dait - Direzione centrale della finanza locale, del testo del Decreto del Capo del Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell'interno del 6 marzo 2019, recante “Assegnazione del contributo pari complessivamente a € 298.926.250,90 a favore dei comuni, per l'anno 2019, per la realizzazione di interventi riferiti a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio», adottato ai sensi dell'art. 1, comma 853-860, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 legge di bilancio 2018”.

Con il decreto in argomento, in applicazione del criterio di cui al comma 855 dell'art. 1 della legge 27 dicembre 2017, n.  205 i contributi per interventi riferiti a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio, sono stati assegnati, ai sensi del comma 853 del medesimo art. 1, fino a concorrenza delle risorse disponibili, pari a 300 milioni di euro per l'anno 2019, ai 286 comuni indicati dell'allegato 3 al decreto stesso.

Si tratta, quindi di 286 finanziamenti  su 5.472 richieste ritenute ammissibili contenute nell’allegato 2 al decreto, con una percentuale di assegnazione del 5,23%.

Tutte le 7.156 istanze trasmesse entro il termine perentorio del 20 settembre 2018, stabilito dal citato comma 854 dell'art. 1 della legge  n.  205 del 2017, al fine dell'assegnazione del contributo per l'anno 2019, sono  riportate  nell'allegato 1 al decreto stesso con la precisazione che il citato allegato contiene, anche,  le  1.684 richieste escluse dalla procedura di attribuzione del contributo e, quindi, inammissibili

Ricordiamo che:

  • si tratta dei contributi previsti dalla Legge n. 205/2017 (c.d. Legge di Bilancio per il 2018) per interventi riferiti a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio.
  • i contributi, previsti dall'art. 1, commi da 853 a 861, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, per la realizzazione di opere che non siano integralmente finanziate da altri soggetti, potevano essere richiesti presentando apposita domanda al Ministero dell'interno - Direzione centrale della finanza locale con la precisazione che ciascun comune avrebbe potuto fare richiesta di contributo per una o più opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio e non avrebbe potuto chiedere contributi di importo superiore a 5.225.000 euro complessivi.

In allegato il Decreto del Capo del Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell'interno del 6 marzo 2019.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa