Regione siciliana: Il Governo impugna altre 2 leggi regionali

07/10/2019

2.617 volte
Regione siciliana: Il Governo impugna altre 2 leggi regionali

Il Consiglio dei Ministri nella seduta n. 65 del 3 ottobre scorso, su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, ha deliberato di impugnare, dopo l’impugnativa della legge regionale n. 13/2019 (leggi articolo), altre due leggi della Regione siciliana.

Sono state, infatti, impugnate:

  1. la legge della Regione Sicilia n. 14 del 06/08/2019 “Collegato alla legge di stabilità regionale per l’anno 2019 in materia di pubblica amministrazione e personale. Interventi in favore dell’aeroporto di Trapani Birgi”, in quanto alcune norme di carattere finanziario violano l’articolo 81, terzo comma, della Costituzione, in materia di copertura finanziaria delle leggi di spesa, eccedono dalle competenze statutarie e violano l’articolo 117, secondo comma, lettera e), della Costituzione, che riserva alla competenza esclusiva statale la materia dell'armonizzazione dei bilanci pubblici;
  2. la legge della Regione Sicilia n. 15 del 06/08/2019 “Collegato alla legge di stabilità regionale per l’anno 2019 in materia di autonomie locali”, in quanto una norma in materia di personale regionale eccede dalle competenze statutarie e si pone in contrasto con i principi di coordinamento della finanza pubblica stabiliti dalla legislazione statale in violazione dell’articolo 117, terzo comma, della Costituzione.

In pratica con la legge della Regione Siciliana 19/07/2019, n. 13 impugnata dal Consiglio dei Ministri n. 4 del 19/09/2019, l’Assemblea regionale siciliana ha fatto tris in meno di un mese con il primato di tre leggi regionali impugnate nel giro di 15 giorni e se, poi, aggiungiamo, anche la legge della Regione Sicilia n. 5 del 06/05/2019 impugnata dal Consiglio dei Ministri n. 65 dell’11 luglio 2019, l’Assemblea regionale ha fatto poker nel giro di tre mesi; ovviamente deve esserci qualcosa che non va.

Segnaliamo, per ultimo, che nella legge regionale n. 14/2019, all’articolo 9 rubricato “Procedure dimobilità per la Centrale unica di committenza” sono definite alcune procedure al fine di far fronte al potenziamento dei compiti istituzionali della centrale unica di committenza di cui all’articolo 55 della legge regionale 7 maggio 2015, n. 9.

In allegato la legge regionale 6/8/2019, n. 14 e la legge regionale 6/8/2019, n. 15.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa