Legge di Bilancio 2020 e Bonus facciate, Architetti Ancona: 'Daremo nuovo volto alle nostre città'

21/10/2019

1.429 volte

Ha fatto subito parlare il nuovo beneficio fiscale introdotto nella prossima Legge di Bilancio per il 2020 e voluto dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini per rilanciare gli investimenti per il restauro e il recupero delle facciate di palazzi e condomini.

Una agevolazione che prevede un credito fiscale del 90% delle spese sostenute da chi (privati o condomini) nel 2020 avvierà il restauro della facciata dell'immobile, in centro storico o periferia, nelle grandi città o nei piccoli comuni. Una agevolazione che si preannuncia molto interessante ma che ha già diviso la categoria dei tecnici da chi chiede se questo significherà puntare sull'estetica degli immobili senza alcun riguardo per la sicurezza o il risparmio energetico, e chi invece la vede come una spinta per rilanciare le sorti di un settore che nell'ultimo decennio ha avuto una diminuzione di oltre il 77%.

Tra questi ultimi l'Ordine degli Architetti PPC di Ancona. "Apprendiamo con soddisfazione - ha affermato il presidente degli Architetti di Ancona Donatella Maiolatesi - della volontà del Governo di introdurre un bonus destinato al rifacimento delle facciate degli edifici, sia storici sia moderni. Se il provvedimento previsto in Legge di bilancio verrà confermato, potrà dare un nuovo volto alle nostre città e costituire una spinta a un settore in ginocchio come quello dell’edilizia. Secondo l’associazione dei costruttori edili il beneficio potrebbe ammontare a 2,8 miliardi di euro, una cifra che probabilmente è persino sottostimata”.

Sono molti gli edifici ad Ancona in primis, ma anche in altri centri della nostra provincia - continua il Presidente Maiolatesi - che hanno un urgente bisogno di opere di rifacimento. Per il decoro ma anche per la sicurezza delle persone. Da parte nostra saremo in prima linea per assistere cittadini e imprese, con la nostra professionalità, nelle opere che partiranno nel 2020, in particolare per il rifacimento di facciate di valore storico e architettonico”.

Non dobbiamo dimenticare - conclude Maiolatesi - che esiste un altro strumento di fondamentale importanza per un territorio a rischio terremoti come il nostro: il sisma bonus, già prorogato tempo fa fino al 2021, permetterà di recuperare buona parte della spesa per adeguare il proprio edificio contro il rischio sismico. Invito i cittadini che vogliono saperne di più alla seconda Giornata nazionale della prevenzione sismica che si terrà domenica prossima ad Ancona, Jesi, Fabriano e Senigallia”.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa