Codice dei contratti e nuovo Regolamento unico: i nuovi livelli di progettazione

28/11/2019

2.817 volte

Ricostruire la storia dei livelli di progettazione post D.Lgs. n. 50/2016 (c.d. Codice dei contratti) è un'impresa che necessiterebbe dei migliori giallisti. La storia comincia, infatti, all'indomani della pubblicazione in Gazzetta del Codice dei contratti e precisamente il 20 maggio 2016 con la nota n. 20377 inviata dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLP) per il via libera allo schema di decreto ministeriale “Definizione dei contenuti della progettazione nei tre livelli progettuali”.

Schema di decreto ministeriale si è espressa una commissione istituita dal CSLP con una nota del 21/07/2016 inviata al MIT a cui è seguito a dicembre 2016 il concerto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, il parere n. 22 del 10 gennaio 2017 reso dal Consiglio di Stato (leggi articolo).

Registriamo poi:

  • a marzo 2017 n. 3 riunioni tecniche della Conferenza Unificata, nelle quali le Regioni, l’ANCI ed ITACA hanno presentato ed illustrato le loro richieste di emendamenti allo schema del decreto, che sono state in gran parte ritenute accoglibili dall’Ufficio Legislativo del MIT;
  • a seguito dell’emanazione in data 18 aprile 2017 del D.Lgs. n. 56/2017 (c.d. Decreto correttivo), l’Ufficio Legislativo il 9/05/2017 ha trasmesso al Consiglio Superiore un nuovo testo del provvedimento che tiene conto delle modifiche apportate al codice dei contratti pubblici dal decreto legislativo 19 aprile 2017, n. 56;
  • il Consiglio Superiore il 22/05/2017 ha ritrasmesso all’Ufficio Legislativo un testo dello schema di decreto in argomento ulteriormente rivisto ed adeguato al nuovo testo del Codice;
  • l’Assemblea Generale del Consiglio Superiore ha reso il 20/10/2017 il proprio parere riguardo al suddetto schema del decreto sulla progettazione;
  • l’Ufficio Legislativo il 19/04/2018, ha trasmesso al Consiglio Superiore, per l’espressione delle proprie valutazioni, l’ultima versione dello Schema di decreto ministeriale recante “Definizione dei contenuti della progettazione nei tre livelli progettuali ai sensi dell’art. 23, comma 3 del decreto legislativo 18 aprile 2016 n. 50”, modificato ed integrato rispetto al testo allegato al parere del 20/10/2017;
  • l’Assemblea Generale del Consiglio Superiore ha reso il 25/05/2018 il proprio parere riguardo al suddetto schema di decreto, datato 19.04.2018 che riporta le modifiche richieste dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, oltre ad alcune modifiche al testo apportate dall’Ufficio Legislativo stesso.

Dopo tutto questo andirivieni di pareri, note e modifiche, sembrava che il decreto ministeriale avesse ormai raggiunto la sua fisionomia con 39 articoli pronti per la pubblicazione in Gazzetta (siamo arrivati a metà 2018). Da quel momento un corto circuito o un passaggio sbagliato di cui nessuno è a conoscenza ha fatto interrompere il processo di approvazione di un decreto praticamente pronto.

La dimostrazione di questa completezza la fornisce il nuovo schema di Regolamento dei contratti che nel definire i nuovi livelli di progettazione, ripropone integralmente il testo finale del decreto ministeriale che alleghiamo alla notizia.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa