Effetto coronavirus Covid-19: a rischio il Bonus facciate

27/02/2020

12.864 volte
Effetto coronavirus Covid-19: a rischio il Bonus facciate

L'emergenza coronavirus, oltre che a minare l'intero sistema economico italiano, rischia di vanificare l'impatto che avrebbe potuto avere il bonus facciate sia sul decoro dei condomini che sulla ripresa del settore edile (in crisi da oltre un decennio).

A denunciarlo è ANAMMI, l’Associazione Nazional-europea degli AMMinistratori d’Immobili, che ha rilevato come il blocco delle assemblee condominiali, reso necessario dell’emergenza coronavirus, rischia di rallentare l’iter della detrazione fiscale, che consente di effettuare lavori importanti in molti immobili degradati. Per questo l’Associazione degli amministratori ha propostp al Governo di introdurre una proroga.

Bonus facciate e Coronavirus: la denuncia ANAMMI

In riferimento allo stop delle assemblee condominiali necessarie per approvare il rifacimento delle facciate e usufruire del bonus facciate, il Presidente dell’ANAMMI, Giuseppe Bica, ha affermato "Lo stop è sacrosanto e lo abbiamo ribadito ai nostri associati, tuttavia il rallentamento dell’intero iter procedurale mette in forse i tempi delle ristrutturazioni e rischia di far saltare l’intera operazione”.

La detrazione del 90%, prevista dall’ultima Legge di Bilancio, spetta infatti per tutte le spese sostenute esclusivamente nel 2020 per il rifacimento della facciata del condominio. Quindi, al fine di documentare gli esborsi, entro dicembre è necessario aver effettuato i pagamenti dei lavori.

I condòmini - continua il Presidente Bica - ci avevano manifestato in queste settimane un grande interesse per questa detrazione. In media, un immobile nelle grandi città ha almeno 50 anni di età e non sempre è costruito con materiali di qualità. Il nostro patrimonio edilizio, ormai piuttosto invecchiato, ha dunque bisogno di queste iniziative".

Rallentare gli adempimenti, insomma, “significa bloccare una macchina che era già partita e che stava portando vantaggi ai condòmini, di solito molto restii a spendere sulle ristrutturazioni condominiali, e all’edilizia, che dopo anni di crisi, si stava risollevando”.

Il blocco delle assemblee condominiali

Oltre alle zone a rischio, parecchi amministratori stanno segnalando all’Associazione che è difficile organizzare assemblee anche in regioni prive finora di contagi, perché vanno deserte. E’ bene ricordare, inoltre, che le riunioni condominiali non sempre riescono a raggiungere i quorum necessari al bonus con una sola convocazione. “Per avviare l’iter occorre la delibera dell’assemblea condominiale - precisa il presidente dell’ANAMMI - con il voto della maggioranza degli intervenuti all’assemblea e la metà del valore dell’edificio, ovvero 500 millesimi. Non sappiamo quanto durerà l’emergenza sanitaria ed il timore che tutto questo si tramuti in un progressivo blocco dei lavori di rifacimento, con il relativo danno economico per il parco immobiliare, i condòmini e le ditte coinvolte, è molto forte”.

Ecco perché l’ANAMMI chiede al Governo di rivedere le norme sul bonus facciate. “Ci serve più tempo per la procedura - afferma il presidente Bica - al Governo e all’amministrazione fiscale chiediamo dunque una proroga sul termine dei pagamenti, in modo da permettere ai condòmini di usufruire di questa agevolazione. Sul tema, siamo disponibili a collaborare, individuando soluzioni idonee, di concerto con le istituzioni”.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa