ANCI: Quaderno tecnico sulla SCIA

L’ANCI continua la pubblicazione di una nuova iniziativa editoriale ideata per supportare gli amministratori nella loro attività quotidiana e disponibile gra...

05/08/2016
© Riproduzione riservata
ANCI: Quaderno tecnico sulla SCIA

L’ANCI continua la pubblicazione di una nuova iniziativa editoriale ideata per supportare gli amministratori nella loro attività quotidiana e disponibile gratuitamente con istruzioni tecniche, note di lettura, modulistica e schemi operativo/gestionali sulle ultime novità che riguardano il comparto di Comuni ed Enti Locali. La seconda pubblicazione è un Quaderno tecnico sulla Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) contenente la nota di lettura e gli emendamenti migliorativi alla norma presentati dall’Anci e accolti dal Governo, i moduli per la presentazione della Scia all’amministrazione e per il rilascio della ricevuta al cittadino, con i relativi tempi di risposta.

Dopo il focus sulla nuova disciplina della Conferenza dei Servizi, il secondo quaderno dell’Associazione si concentra nuovamente su una misura di semplificazione amministrativa: il nuovo regime per la Scia, appunto, normato dal decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126, e approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri lo scorso 15 giugno.

Tra le proposte avanzate dall’Anci e accolte in sede di approvazione definitiva del decreto, la previsione che alla presentazione di istanze, segnalazioni o comunicazioni venga rilasciata immediatamente, anche in via telematica, una ricevuta che ne attesti l’avvenuta presentazione e indichi i termini entro i quali l’amministrazione è tenuta a rispondere o entro i quali il silenzio equivale ad accoglimento dell’istanza.

La collana editoriale Anci intende proporre istruzioni tecniche, note di lettura di nuove disposizioni e provvedimenti che incidono sull’organizzazione e la gestione dell’Ente locale, arricchendoli con modulistica e schemi operativi aggiornati alle ultime novità normative.

Per l’Associazione il nuovo prodotto editoriale rappresenta un ulteriore segno della volontà di essere al fianco dei Comuni, quotidianamente, con lo spirito di servizio che ha sempre contraddistinto la sua missione.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it