Aree urbane degradate: Le FAQ della Presidenza del Consiglio dei Ministri

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, in riferimento al Decreto del Presidente del Consiglio 25 maggio 20016 che ha approvato il Bando con il quale sono ...

27/06/2016
© Riproduzione riservata
Aree urbane degradate: Le FAQ della Presidenza del Consiglio dei Ministri

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, in riferimento al Decreto del Presidente del Consiglio 25 maggio 20016 che ha approvato il Bando con il quale sono definiti le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta, ha comunicato che i quesiti di carattere tecnico da parte dei Comuni interessati potranno essere inviati esclusivamente a mezzo mail all'indirizzo periferie@governo.it .

La risposta a tali quesiti è pubblicata come FAQ nella sezione "Pubblicità legale". 

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha già pubblicato le risposte fornite fino al 16 giugno scorso, nell’ambito delle quali è evidenziata quella che chiarisce che gli interventi possono riguardare anche strutture private di interesse pubblico, ribadendo che il coinvolgimento di eventuali soggetti privati presuppone procedure di evidenza pubblica.

Ricordiamo che, ai  fini  del  decreto,  vengono considerate periferie le aree urbane caratterizzate da situazioni  di marginalità economica e  sociale,  degrado  edilizio  e  carenza  di servizi. La procedura di selezione è  indetta  dalla  Presidenza del Consiglio dei ministri ed ha come  oggetto la selezione  di  progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle  periferie  delle città metropolitane, dei  comuni  capoluogo  di  provincia  e  della città di Aosta; presso  la  Presidenza  del  Consiglio  dei ministri è istituito un Nucleo per la valutazione dei  progetti.

Possono presentare i progetti, entro  90  giorni  dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale,  le  città metropolitane, i comuni capoluogo di provincia e la città di Aosta. Per  l'attuazione  del  Programma  è  istituito  un  apposito Fondo ed autorizzata la spesa di 500  milioni  di euro per l'anno 2016.

Le domande devono  essere  inviate  esclusivamente a  mezzo posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo: programma.periferieurbane@pec.governo.it

La risposta a tali quesiti sarà pubblicata come FAQ nella sezione "Pubblicità legale".

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Tag: