Bollette luce e gas: Il decreto Milleproroghe rinvia al 2020 il passaggio al mercato libero

L'Assemblea di Palazzo Madama, lunedì 6 agosto, ha approvato il disegno di legge di conversione del decreto-legge 25 luglio 2018, n. 91, recante proroga di t...

07/08/2018
© Riproduzione riservata
Bollette luce e gas: Il decreto Milleproroghe rinvia al 2020 il passaggio al mercato libero

L'Assemblea di Palazzo Madama, lunedì 6 agosto, ha approvato il disegno di legge di conversione del decreto-legge 25 luglio 2018, n. 91, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Il testo passa adesso alla Camera.

Con l’emendamento 3.5 all’articolo 1 approvato nel corso dell'esame in sede referente – viene rinviato (dal 1° luglio 2019) al 1º luglio 2020:

  • la cessazione del regime “di maggior tutela” nel settore del gas naturale;
  • la cessazione del regime di “maggior tutela” nel settore dell’energia elettrica.

Per quanto concerne l’energia elettrica, l'articolo 1, comma 60, della legge 4 agosto 2017, n. 124, aveva  previsto l'abrogazione, a decorrere dal 1° luglio 2019, della disciplina transitoria che prevedeva la definizione amministrativa delle tariffe dell’energia elettrica nella vendita ai consumatori domestici e ai piccoli consumatori industriali. La disposizione citata aveva, inoltre, introdotto un servizio di salvaguardia, regolato dall’Autorità di settore, attraverso procedure concorsuali per aree territoriali e a condizioni che incentivino il passaggio al mercato libero, al fine di garantire la continuità della fornitura a determinate tipologie di clienti che, al superamento del regime di maggior tutela si trovino senza fornitore.

Il comma 60 era, poi, intervenuto sulle disposizioni di recepimento del c.d. “terzo pacchetto energia” (d.lgs. 93/2011), abrogando la norma (articolo 35, comma 2) che prevedeva la determinazione dei prezzi dell’energia elettrica da parte dell'Autorità per l'energia per:

  • i clienti finali civili;
  • le imprese connesse in bassa tensione con meno di 50 dipendenti e un fatturato annuo non superiore ai 10 milioni di euro;
  • che non scelgano un fornitore sul mercato libero.

Per quanto concerne il gas naturale ricordiamo che l'articolo 1, comma 59, della legge 4 agosto 2017, n. 124, aveva disposto l'abrogazione, a partire dal 1° luglio 2019, della disciplina che prevede la definizione da parte dell’Autorità per l’energia delle tariffe del gas per i consumatori che non abbiano ancora scelto un fornitore sul mercato libero. La data della cessazione del regime di “maggior tutela” nel settore del gas naturale era stata infatti fissata al 1° luglio 2019 che era la data dell’abrogazione della disciplina transitoria che prevedeva la definizione amministrativa delle tariffe del gas naturale nella vendita ai consumatori domestici che non abbiano ancora scelto un fornitore sul mercato libero. Con il nuovo emendamento la cessazione del regime “di maggior tutela” è inviato al 1° luglio 2020.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it