Ecobonus e bonus facciate prorogati al 2021

La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato le detrazioni fiscali previste per l'edilizia ed esteso sconto in fattura e cessione del credito (solo per il superbonus)

di Redazione tecnica - 05/01/2021
© Riproduzione riservata
Ecobonus e bonus facciate prorogati al 2021

Detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici (economia) e per il recupero delle facciate confermate fino al 31 dicembre 2021 dalla nuova Legge di Bilancio.

Legge di Bilancio 2021: confermate le proroghe per le detrazioni fiscali

Lo prevede la legge 30 dicembre 2020, n. 178 (c.d. Legge di Bilancio 2021) che, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, ha confermato le proroghe per tutte le detrazioni fiscali previste per il settore dell’edilizia.

Benché l'attenzione si sia concentrata sulle detrazioni fiscali del 110% (c.d. superbonus o bonus 110%), su cui in realtà la proroga è in attesa della conferma del Consiglio dell’Unione europea, la nuova Legge di Bilancio 2021 ha confermato una prassi ormai in voga nel nostro Paese: la proroga di un altro anno per le principali agevolazioni fiscali previste per la casa:

  • il bonus casa (art. 16, comma 1 del D.L. n. 63/2013) previsto per la ristrutturazione degli immobili e che strutturale sarebbe al 36% ma che da diversi anni viene confermato con l'aliquota maggiorata al 50%;
  • il bonus mobili (art. 16, comma 2 del D.L. n. 63/2013) che non solo è stato prorogato ma è anche stato innalzato il limite di spesa a 16.000 euro;
  • l'ecobonus (Art. 14 del D.L. n. 63/2013) previsto per interventi di riqualificazione energetica degli edifici;
  • il sismabonus (Art. 16, commi da 1-bis a 1-septies del D.L. n. 63/2013) previsto per interventi di riduzione del rischio sismico;
  • il bonus facciate (art. 1, commi da 219 a 224 della legge 27 dicembre 2019 n. 160) previsto per gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti (inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna) ubicati in zona A (centri storici) o B (parti già urbanizzate, anche se edificate in parte);
  • il bonus verde (art. 1, commi da 12 a 15, della legge 27 dicembre 2017, n. 205) previsto per gli interventi di "sistemazione a verde" di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, per gli impianti di irrigazione e per la realizzazione di pozzi e di coperture a verde e di giardini pensili.

Proroga e modifica per il superbonus

La Legge di Bilancio 2021 ha anche modificato e prorogato la detrazione fiscale del 110% prevista dall'art. 119 del Decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. Decreto Rilancio), convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77. Proroga, però, che necessiterà della conferma del Consiglio dell’Unione europea.

La proroga al 2021 per l'Ecobonus

L'art. 1, comma 58 della Legge di Bilancio 2021 apporta le seguenti modificazioni all'art. 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63:

  • ai commi 1 e 2, lettere b) e b-bis), le parole: 31 dicembre 2020 sono sostituite dalle seguenti: 31 dicembre 2021 »;
  • al comma 2-bis, le parole: nell’anno 2020 sono sostituite dalle seguenti: nell’anno 2021.

La proroga al 30 giugno 2022 per il Sismabonus 110%

L'art. 1, comma 66, lettera f) della Legge di Bilancio 2021 modifica il comma 4 dell'art. 119 del Decreto Rilancio estendendo al 30 giugno 2022 la detrazione del 110% delle spese sostenute per gli interventi di riduzione del rischio sismico cui ai commi da 1-bis a 1-septies dell’articolo 16 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63.

La proroga al 2021 per il bonus facciate

L'art. 1, comma 59 della Legge di Bilancio 2021 modifica l’art. 1, comma 219, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, sostituendo le parole: nell’anno 2020 con le seguenti: negli anni 2020 e 2021. Comma 219 che, ricordiamo, prevede:

Per le spese documentate, sostenute negli anni 2020 e 2021, relative agli interventi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B ai sensi del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, spetta una detrazione dall'imposta lorda pari al 90 per cento.

Proroga sconto in fattura e cessione del credito solo per il Superbonus 110%

L'art. 1, comma 67 della Legge di Bilancio 2021 modifica l’art. 121 del Decreto Rilancio prevedendo che le due modalità alternative (sconto in fattura e cessione del credito) siano estese alle spese sostenute nel 2022 ma limitatamente agli interventi individuati dall’articolo 119 e che, quindi, accedono al superbonus (sia come interventi trainanti che come trainati).

A cura di Redazione LavoriPubblici.it