Gravi difetti dell'opera: Rientrano anche i difetti nel cappotto termico

Interessante sentenza della Corte di Cassazione sui difetti dell'opera e sul cappotto termico

di Redazione tecnica - 04/03/2020
© Riproduzione riservata
Gravi difetti dell'opera: Rientrano anche i difetti nel cappotto termico

La gravità di un difetto, agli effetti dell'art. 1669 c.c., è correlata alle conseguenze che da esso siano derivate o possano derivare, e non dipende, pertanto, dalla sua isolata consistenza obiettiva, né è perciò esclusa ex se dalla modesta entità, in rapporto all'intera costruzione, del singolo elemento che ne sia affetto.

Gravi difetti

La Corte di Cassazione ha così costantemente spiegato che configurano gravi difetti dell'edificio, a norma dell'art. 1669 c.c., anche le carenze costruttive dell'opera che pregiudicano o menomano in modo grave il normale godimento e/o la funzionalità e/o l'abitabilità della medesima, come allorché la realizzazione è avvenuta con materiali inidonei e/o non a regola d'arte ed anche se incidenti su elementi secondari ed accessori dell'opera (nella specie, trattandosi di difetti costruttivi nella tamponatura delle pareti esterne dell'edificio in condominio, causa di una riduzione del 50% della resistenza termica), purché tali da incidere negativamente ed in modo considerevole sul suo godimento e da comprometterne la normale utilità in relazione alla sua destinazione economica e pratica, e per questo eliminabili solo con lavori di manutenzione, ancorché ordinaria, e cioè mediante opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici.

Sentenza Corte di Cassazione

E’ questa, in pratica, la sentenza della Corte di Cassazione 4 settembre 2019, n. 22093 che rigetta il ricorso di un costruttore e conferma la sentenza della Corte di appello di Bari, che lo aveva condannato al pagamento della somma di 38.140,00 euro oltre iva con la sentenza n. 81/2015. I giudici di secondo grado qualificarono la domanda come azione di responsabilità dell'appaltatore ex art. 1669 c.c., ravvisando i gravi difetti.

Articolo 1669 Codice civile

Si legge nella sentenza che il vigente art. 1669 c.c., al pari del corrispondente art. 1639 dell'abrogato codice civile del 1865, configura una responsabilità extracontrattuale sancita dalla legge al fine di promuovere la stabilità e solidità degli edifici, nonché delle altre cose immobili destinate per loro natura a lunga durata, e al fine di tutelare in tal modo l'incolumità personale. Peraltro, l'art. 1669 c.c. ha ampliato la portata del suo predecessore art. 1639, avendo incluso tra i difetti, di cui il costruttore è tenuto a rispondere, nel termine in esso indicato, anche quelli che, pur non compromettendo la stabilità, totale o parziale, dell'edificio, possano essere, comunque, qualificati "gravi".

Gravità del difetto

In ogni modo, la gravità di un difetto, agli effetti dell'art. 1669 c.c., è correlata alle conseguenze che da esso siano derivate o possano derivare, e non dipende, pertanto, dalla sua isolata consistenza obiettiva, né è perciò esclusa ex se dalla modesta entità, in rapporto all'intera costruzione, del singolo elemento che ne sia affetto.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it