IV Conto Energia: iscrizione al registro grandi impianti e integrazione architettonica del fotovoltaico

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato la "Guida alle applicazioni innovative finalizzate all'integrazione architettonica del fotovoltaico", a...

19/07/2011
© Riproduzione riservata
Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato la "Guida alle applicazioni innovative finalizzate all'integrazione architettonica del fotovoltaico", aggiornata in base alle disposizioni del Decreto Ministeriale 5 maggio 2011, e le "Regole Applicative contenenti le modalità di attuazione delle disposizioni stabilite dal Decreto Ministeriale 5 maggio 2011".

La "Guida alle applicazioni innovative finalizzate all'integrazione architettonica del fotovoltaico" è stata predisposta in considerazione dell'esperienza maturata dall'esame dei progetti con caratteristiche innovative inviati ai sensi del III Conto Energia e dei numerosi approfondimenti effettuati, anche in campo internazionale, con gli operatori del settore. La Guida individua univocamente definizioni, tipologie, categorie, criteri e modalità di installazione, specificando inoltre la documentazione da presentare a corredo della domanda di ammissione per l'accesso alle tariffe incentivanti per gli impianti di cui al Titolo III del DM 5 maggio 2011.

La guida, dopo un breve excursus normativo e un riassunto delle principali definizioni, definisce i criteri generali per il riconoscimento della tariffa per le applicazioni innovative finalizzate all'integrazione architettonica del fotovoltaico. In particolare, le applicazioni devono rispettare tutte le seguenti condizioni:
  1. gli impianti fotovoltaici devono essere installati su edifici, così come precedentemente definiti (DPR 412/93), secondo le modalità previste dall'Allegato 4 al DM 5 maggio 2011;
  2. le applicazioni devono utilizzare moduli fotovoltaici non convenzionali o componenti speciali, come precedentemente definiti, integrandosi e sostituendo elementi architettonici degli edifici;
  3. il modulo fotovoltaico non convenzionale o la superficie fotovoltaica (nel caso di componente speciale) deve rispondere ai requisiti dell'integrazione architettonica, come precedentemente definita;
  4. le applicazioni devono interessare superfici omogenee dal punto di vista funzionale e, in caso di interventi che interessino parzialmente tali superfici, devono integrarsi sulla restante porzione.

Qualora l'impianto fotovoltaico non occupi interamente la superficie che lo ospita, devono essere rispettate le seguenti condizioni:
  • nel caso di installazione di moduli fotovoltaici non convenzionali, la porzione della superficie non interessata dall'impianto deve essere completata con elementi di copertura dimensionalmente simili al fine di garantire continuità della stessa;
  • nel caso di installazione di componenti speciali, l'eventuale spazio di separazione tra la superficie fotovoltaica e le parti non interessate dall'installazione dell'impianto deve essere curato con appositi elementi di raccordo al fine di garantire la continuità dell'intera superficie.

La guida ricorda, infine, la documentazione da trasmettere al GSE, una serie esemplificativa di schemi funzionali che contraddistingue le applicazioni innovative finalizzate all'integrazione architettonica.

Le "Regole Applicative contenenti le modalità di attuazione delle disposizioni stabilite dal Decreto Ministeriale 5 maggio 2011" sono finalizzate ad assicurare chiarezza e trasparenza verso gli operatori, definendo le modalità di individuazione della tipologia di tariffa incentivante a cui l'impianto fotovoltaico può accedere, le relative modalità di accesso, ivi incluse anche quelle riguardanti le maggiorazioni e il premio abbinato ad uso efficiente dell'energia eventualmente richiesti. Sono, inoltre, definite le regole relative alle norme anti-frazionamento degli impianti e alle disposizioni derivanti dall'applicazione del DLgs n. 28 del 2011 per gli impianti su terreni agricoli.

Le "Regole Applicative contenenti le modalità di attuazione delle disposizioni stabilite dal Decreto Ministeriale 5 maggio 2011" completano ed integrano le informazioni che il GSE ha già pubblicato e reso disponibile sul proprio sito attraverso le "Regole tecniche per iscrizione al registro per i grandi impianti fotovoltaici di cui al DM 5 Maggio 2011", in cui, a seguito degli approfondimenti interni e dei confronti intercorsi con i principali gestori di rete, sono state apportate numerose modifiche, tra cui il Protocollo in base al quale i Gestori di Rete sono tenuti ad effettuare le attività di verifica sugli impianti.

L'aggiornamento effettuato ha riguardato principalmente:
  • le modalità di comunicazione degli esiti delle verifiche sugli impianti;
  • l'ambito di applicazione delle attività di verifica in capo al Gestore di Rete;
  • la possibilità per il Gestore di Rete di avvalersi di terzi incaricati.

Accedi al Focus Fotovoltaico e leggi tutto sull'argomento.