Inarcassa, ravvedimento operoso o accertamento con adesione?

Quando si punta a fare notizia tra i liberi professionisti architetti e ingegneri, c'è un argomento sicuro: Inarcassa. Ci si diverte a storpiarne il nome e c...

27/05/2014
© Riproduzione riservata
Quando si punta a fare notizia tra i liberi professionisti architetti e ingegneri, c'è un argomento sicuro: Inarcassa. Ci si diverte a storpiarne il nome e c'è addirittura chi conta le visite alla pagina compiacendosi di quanto oggi Inarcassa faccia aumentare il tempo medio di lettura della notizia.

Volendo, invece, fare informazione, oltre a parlare di quanto sia cattiva mamma Inarcassa, è necessario parlare di ciò che potrebbe servire ai professionisti architetti e ingegneri per non incorrere in sanzioni relative ad omissioni o dimenticanze che riguardano la propria posizione contributiva.

Desideriamo ricordare, dunque, alcune scadenze fondamentali:
  • entro il 31 maggio 2014 - esclusivamente in via telematica tramite l'applicativo disponibile nell'area riservata di Inarcassa On Line al menù "Agevolazioni - Deroga contributo soggettivo minimo", i professionisti con un reddito inferiore a 15.690 euro possino chiedere la deroga contributo minimo soggettivo (leggi news);
  • è in corso presso gli uffici di via Salaria la verifica delle posizioni degli iscritti - è necessario ricordare che il nuovo Regolamento Inarcassa prevede:
    • il ravvedimento operoso, a cui si può accedere nel caso in cui l'irregolarità non sia stata già accertata dagli uffici competenti di INARCASSA o, se già constatata, non sia stata ancora formalmente notificata - In tale caso le sanzioni previste sono ridotte del 70%;
    • l'accertamento con adesione, a cui può accedere chi ha già avuto notificato il provvedimento sanzionatorio da parte di INARCASSA - In tale caso vi è una riduzione della sanzione del 30%. In caso di notifica della verifica delle posizioni non è più possibile accedere al Ravvedimento Operoso.
  • 30 giugno 2014 - è la data oltre la quale non può più essere annullata la richiesta di deroga dei contributi minimi.

Occhio, dunque, alle scadenze e controllate la vostra posizione contributiva!In caso di incertezze contattate il vostro delegato provinciale e fatevi aiutare.