Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: nuova risposta dell’Agenzia delle Entrate

È possibile fruire del superbonus 110% nel caso di intervento trainato su u.i. di un immobile vincolato su cui non si può fare il cappotto termico?

di Redazione tecnica - 17/12/2020
© Riproduzione riservata
Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: nuova risposta dell’Agenzia delle Entrate

Superbonus 110%: l’unità immobiliare all’interno di un edificio (condominio) sul quale non si può intervenire con l’intervento trainante di isolamento termico a cappotto, può accedere ugualmente alla detrazione fiscale del 110% (c.d. superbonus) per gli interventi di riqualificazione energetica che comportano il doppio salto di classe energetica?

  • Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: la domanda all’Agenzia delle Entrate
  • Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: cosa prevede il Decreto Rilancio
  • Superbonus 110%: interventi trainanti e trainati
  • Superbonus 110%: lo sconto in fattura e la cessione del credito
  • Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: la risposta dell’Agenzia delle Entrate
  • Superbonus 110%: tutte le risposte dell’Agenzia delle Entrate

Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: la domanda all’Agenzia delle Entrate

È la nuova interessante domanda a cui ha provveduto a rispondere l’Agenzia delle Entrate con risposta n. 595 del 16 dicembre 2020 ad oggetto “Superbonus - interventi "trainati" realizzati su unità immobiliari facenti parte di un condominio tutelato ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio)”.

In particolare, la domanda del contribuente riguarda la possibilità prevista dall’articolo 119, comma 2, secondo periodo del D.L. n. 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio), convertito con modificazioni dalla Legge n. 77/2020, che prevede:

Qualora l'edificio sia sottoposto ad almeno uno dei vincoli previsti dal codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, o gli interventi di cui al citato comma 1 siano vietati da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali, la detrazione si applica a tutti gli interventi di cui al presente comma, anche se non eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di cui al medesimo comma 1, fermi restando i requisiti di cui al comma 3.

Nel caso di specie il contribuente istante ha rappresentato di essere proprietario di due unità immobiliari inserite all’interno di un condominio tutelato ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio e sul quale, quindi, non si possono effettuare gli interventi c.d. "trainanti" previsti dal Decreto Rilancio (art. 119, comma 1, lettere a, b e c).

Per tale motivo il contribuente chiede se, fermo restando il miglioramento di almeno due classi energetiche, la realizzazione di interventi c.d. "trainati" (come ad esempio la sostituzione degli infissi) sulle due singole unità immobiliari, possa fruire della detrazione del 110%.

Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: cosa prevede il Decreto Rilancio

L’art. 119 del Decreto Rilancio ha introdotto la nuova detrazione fiscale del 110% da applicare sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, e da ripartire in 5 quote annuali di pari importo (o in alternativa optando per lo sconto in fattura o la cessione del credito) a fronte di specifici interventi finalizzati alla efficienza energetica e di consolidamento statico o riduzione del rischio sismico degli edifici.

La nuova detrazione fiscale del 110% si affianca a quelle già esistenti per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici (c.d. ecobonus) nonché per quelli di recupero del patrimonio edilizio, inclusi quelli antisismici (c.d. sismabonus) attualmente disciplinate, rispettivamente, dagli articoli 14 e 16, del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito dalla legge 3 agosto 2013, n. 90.

Nella sua risposta, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato:

  • presupposti normativi;
  • tipologie di interveto;
  • requisiti tecnici;
  • ambito soggettivo e oggettivo;

delle nuove detrazioni fiscali del 110% e su cui abbiamo già pubblicato diversi approfondimenti tutti accessibili all’interno del nostro Speciale Superbonus 110%. Aspetti che sono stati chiariti dalla stessa Agenzia delle Entrate all’interno della sua guida al superbonus 110% e alla circolare n. 24/E dell’8 agosto 2020.

Superbonus 110%: interventi trainanti e trainati

In riferimento alle tipologie di intervento agevolabili, è stato chiarito che il superbonus 110% spetta a fronte del sostenimento delle spese relative a taluni specifici interventi finalizzati alla riqualificazione energetica e alla adozione di misure antisismiche degli edifici (cd. interventi "trainanti") nonché ad ulteriori interventi, realizzati congiuntamente ai primi (cd. interventi "trainati").

In entrambi i casi, gli interventi devono essere realizzati:

  • su parti comuni di edifici residenziali in "condominio" (sia trainanti, sia trainati);
  • su edifici residenziali unifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati);
  • su unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall'esterno site all'interno di edifici plurifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati); nonché
  • su singole unità immobiliari residenziali e relative pertinenze all'interno di edifici in condominio (solo trainati).

Superbonus 110%: lo sconto in fattura e la cessione del credito

L'aspetto più innovativo del Decreto Rilancio è contenuto nell’art. 121 che consente di scegliere, in luogo alla normale fruizione dell'agevolazione fiscale, due opzioni alternative:

  • sconto in fattura, ovvero uno sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d'imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;
  • cessione del credito, che consente al contribuente di cedere la detrazione fiscale maturata ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Tali opzioni possono essere esercitate anche a fine lavori o per stato di avanzamento (non più di due per ciascun intervento complessivo e con ciascuno stato di avanzamento riferito ad almeno il 30% del medesimo intervento).

Superbonus 110% e interventi trainati su immobili vincolati: la risposta dell’Agenzia delle Entrate

In riferimento al caso prospettato dal contribuente di immobile tutelato ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio (decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42), l’Agenzia delle Entrate ha ricordato quanto previsto nella sua circolare n. 24/E del 2020 che richiama proprio il contenuto dell’art. 119, comma 2 del Decreto Rilancio per il quale qualora l'edificio sia sottoposto ad almeno uno dei vincoli previsti dal Codice dei beni culturali e del paesaggio o gli interventi trainanti di efficientamento energetico siano vietati da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali, la detrazione del 110% si applica in ogni caso a tutti gli interventi trainati, fermo restando il rispetto della condizione che tali interventi portino a un miglioramento minimo di due classi energetiche oppure, ove non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, secondo quanto previsto dalla normativa in esame.

In definitiva, rispondendo al contribuente istante, se l'edificio è sottoposto ai vincoli previsti dal predetto codice dei beni culturali e del paesaggio o il rifacimento dell'isolamento termico è vietato da regolamenti edilizi, urbanistici o ambientali, il Superbonus si applica, comunque, ai singoli interventi ammessi all'ecobonus (ad esempio, sostituzione degli infissi), purché sia certificato il miglioramento energetico.

Dunque, non solo l’istante potrà accedere al superbonus 110% ma potrà anche optare per la sua fruizione in una delle modalità alternative alla detrazione dall'imposta lorda previste dall'articolo 121 del decreto Rilancio.

Superbonus 110%: tutte le risposte dell’Agenzia delle Entrate

Con la nuova risposta, il numero di chiarimenti sul superbonus 110% dell’Agenzia delle Entrate aumenta ancora. Riportiamo di seguito tutte le risposte ufficiali con cui l’Agenzia delle Entrate ha risposto ai quesiti dei contribuenti sulla detrazione fiscale del 110%:

Segui lo Speciale Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

A cura di Redazione LavoriPubblici.it