Consiglio dei Ministri: Nuovo decreto-legge con misure urgenti anti COVID-19

Approvato dal Consiglio dei Ministri un nuovo decreto-legge con Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 e la sorveglianza sanitaria

di Redazione tecnica - 30/12/2021
© Riproduzione riservata
Consiglio dei Ministri: Nuovo decreto-legge con misure urgenti anti COVID-19

Ieri la variante Omicron colpisce duramente l’Italia con numeri mai visti nel corso della pandemia:

  • 98.020 nuovi casi a fronte di 11.212 esattamente un anno fa (29 dicembre 2020);
  • un totale dei positivi pari a 674.865 a fronte di 568.728 un anno fa (29 dicembre 2020),

anche se, in verità con un numero di tamponi pari a 1.029.429 di gran lunga superiore a quelli di un anno fa (29 dicembre 2020) quando erano stati 128.740.

Nello stesso giorno, speriamo dei record come nuovi casi e rotale dei positivi, il Consiglio dei ministri, nella seduta n. 54 del 29 dicembre 2021, vara un nuovo decreto-legge con “Misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria”.

Nel testo sono previste nuove misure in merito all’estensione del Green Pass rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione), le quarantene per i vaccinati e le capienze.

Green Pass rafforzato

Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass rafforzato alle seguenti attività:

  • alberghi e strutture ricettive;
  • feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;
  • sagre e fiere;
  • centri congressi;
  • servizi di ristorazione all’aperto;
  • impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici;
  • piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto;
  • centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

Inoltre il Green Pass rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Quarantene

Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo.

Fino al decimo giorno successivo all'ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare - solo qualora sintomatici - un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso.

Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

Capienze

Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.

Vai allo Speciale Coronavirus Covid-19