Contenimento degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale

Pubblicata in Gazzetta ufficiale la legge di conversione del Decreto-legge per il contenimento degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale

di Redazione tecnica - 27/11/2021
© Riproduzione riservata
Contenimento degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale

Sulla Gazzetta ufficiale n. 282 del 26 novembre 2021 è stata pubblicata la legge 25 novembre 2021, n. 171 recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 27 settembre 2021, n. 130, recante misure urgenti per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale” unitamente al testo coordinato del Decreto-legge 27 settembre 2021, n. 130.

L’articolato del provvedimento

Il testo del decreto-legge, con le modifiche introdotte dalla legge di conversione, è costituito dai seguenti 8 articoli:

  • art. 1 - Misure per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico
  • art. 2 - Misure per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore gas naturale
  • art. 3 - Misure per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale con il rafforzamento del bonus sociale elettrico e gas
  • art. 3-bis - Misure per aumentare la liquidità dei mercati dell’energia e ridurre i costi delle transazioni
  • art. 3-ter - Disposizioni in materia di competenze relative alla resilienza a garanzia della sicurezza del sistema energetico
  • art. 4 - Abrogazione e modifica di disposizioni di legge che prevedono l’adozione di provvedimenti attuativi
  • art. 5 - Disposizioni finanziarie
  • art. 6 - Entrata in vigore.

Il contenimento degli aumenti dei prezzi

Il decreto-legge introduce misure urgenti per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale. Le nuove misure intervengono a vantaggio degli oltre 3 milioni di famiglie che beneficiano del “bonus sociale elettrico”: 

  • nuclei che hanno un Isee inferiore a 8.265 euro annui;
  • nuclei familiari numerosi (Isee 20.000 euro annui con almeno 4 figli);
  • percettori di reddito o pensione di cittadinanza;
  • utenti in gravi condizioni di salute, utilizzatori di apparecchiature elettromedicali.

Per costoro sono tendenzialmente azzerati gli effetti del futuro aumento della bolletta.

Per circa 6 milioni di piccolissime e piccole imprese (con utenze in bassa tensione fino a 16,5kW) e per circa 29 milioni di clienti domestici, sono azzerate le aliquote relative agli oneri generali di sistema, per il quarto trimestre 2021. 

Quanto al gas, per circa 2,5 milioni di famiglie che beneficiano del “bonus gas” sono tendenzialmente azzerati gli effetti del previsto aumento della bolletta nel quarto trimestre 2021. 

Nello stesso periodo, per tutti gli utenti del gas naturale, famiglie e imprese, l’Iva (oggi al 10 e al 22% a seconda del consumo) è portata al 5% e gli oneri di sistema sono azzerati.