Parco Agrisolare, il GSE approva il nuovo Regolamento Operativo

Recepite le modifiche approvate dal MiPAAF per la presentazione delle domande di accesso ai contributi previsti dalla misura PNRR “Parco Agrisolare"

di Redazione tecnica - 03/10/2022
© Riproduzione riservata
Parco Agrisolare, il GSE approva il nuovo Regolamento Operativo

È stato pubblicato sul sito del Gestore dei Servizi Energetici (GSE) il nuovo Regolamento operativo che recepisce le modifiche approvate dal MiPAAF attraverso l'Avviso del 23 settembre 2022, per la presentazione delle domande di accesso ai contributi previsti dalla misura PNRRParco Agrisolare".

Parco Agrisolare: aggiornato il regolamento GSE

Fino alle ore 12:00 del 27 ottobre 2022 sarà infatti possibile presentare istanza di accesso ai fondi messi a disposizione dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con il bando “Parco Agrisolare”, previsti dal Decreto MIPPAF del 25 marzo 2022, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 28 giugno 2022, n. 149, per l’erogazione di un contributo a fondo perduto per la realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici a uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale.

Le risorse a disposizione ammontano a 1,5 miliardi di euro. Le domande vanno caricate sul portale dedicato sull’Area Clienti del GSE e le agevolazioni verranno concesse fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Le modifiche al Regolamento Operativo

In particolare, le modifiche apportate dal GSE riguardano le modalità di determinazione della capacità produttiva degli impianti in funzione del consumo medio annuo di energia elettrica e termica delle aziende realizzatrici e le procedure per la realizzazione degli impianti fotovoltaici su immobili diversi da fabbricati rurali (D/10).

A supporto degli operatori impegnati nel caricamento delle istanze, il Gestore ha inoltre pubblicato sul portale e sul proprio canale Youtube un tutorial dedicato al processo di caricamento.

Le domande di accesso agli incentivi dovranno essere presentate dalle ore 12:00 del giorno 27 settembre 2022, fino alle ore 12:00 del giorno 27 ottobre 2022, attraverso il portale Area Clienti.

Parchi Agrisolari: contributi dal PNRR per 1,5 miliardi di euro

Ricordiamo che con il bando “Parco Agrisolare” verranno selezionati e finanziati progetti che prevedono l’acquisto e la posa in opera di pannelli fotovoltaici sui tetti di fabbricati strumentali all’attività dei soggetti beneficiari, compresi quelli destinati alla ricezione ed ospitalità nell’ambito dell’attività agrituristica.

Gli interventi ammissibili all’agevolazione, devono prevedere l’installazione di nuovi impianti fotovoltaici con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 500 kWp. Inoltre sono ammessi a finanziamento solo impianti fotovoltaici di nuova costruzione e realizzati con componenti di nuova costruzione.

Insieme a questa attività, possono essere eseguiti uno o più dei seguenti interventi di riqualificazione ai fini del miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture:

  • rimozione e smaltimento dell’amianto o dell'eternit dai tetti, in conformità alla normativa nazionale di settore vigente;
  • realizzazione dell’isolamento termico dei tetti;
  • realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto (intercapedine d’aria).

La spesa massima ammissibile per singolo progetto è pari a 750mila euro, con il limite di 1 milione di euro per beneficiario.

Per gli anni dal 2022 al 2026 le risorse ammontano a 1,5 miliardi di euro a valere sui fondi del PNRR, missione 2, componente 1, investimento 2.2. così suddivisi:

  • 1,2 miliardi di euro per la realizzazione di interventi, descritti nell’allegato A, tabella 1A, del decreto;
  • 300 milioni di euro, per la realizzazione di interventi, descritti all’allegato A, tabelle 2A e 3A, del decreto.

Il 40% delle risorse è destinato a progetti da realizzare nelle regioni del Mezzogiorno.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di accesso ai Fondi:

  • a) Imprenditori agricoli, in forma individuale o societaria;
  • b) imprese agroindustriali, in possesso di codice ATECO indicati in un avviso di prossima pubblicazione;
  • c) indipendentemente dai propri associati, le cooperative agricole che svolgono attività di cui all’art. 2135 del codice civile e le cooperative o loro consorzi di cui all’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228.

Sono esclusi i soggetti esonerati dalla tenuta della contabilità IVA, con un volume di affari inferiore a 7mila euro all’anno.

Documenti Allegati