Ricostruzione Sisma 2016: approvato il decreto attuativo

Entra in vigore anche la nuova modulistica sulla piattaforma telematica della ricostruzione: asseverazioni più semplici, pagamenti più rapidi e più tempo per scegliere l'impresa a cui affidare i lavori

di Redazione tecnica - 14/01/2022
© Riproduzione riservata
Ricostruzione Sisma 2016: approvato il decreto attuativo

Ricostruzione Sisma 2016: le semplificazioni previste dall’Ordinanza 118 del 7 settembre 2021 del Commissario Straordinario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, sono pienamente operative dal 1° gennaio 2022 con la firma del decreto attuativo n. 627 del 31 dicembre 2021, con il quale è stata approvata anche la nuova modulistica sulla piattaforma telematica della ricostruzione.

Ricostruzione Sisma 2016: semplificazione procedure

In particolare, con il decreto sono stati resi disponibili i seguenti documenti:

  • a) All. 1_ “Asseverazione del Direttore dei lavori: stato di avanzamento lavori (SAL)” e “All. 2_ “Asseverazione del Direttore dei lavori: conto finale dei lavori”, ai fini delle richieste di erogazione dei contributi di cui agli articoli 7 dell’ordinanza 8/2016, 16 dell’ordinanza 13/2017 e 14 dell'ordinanza 19/2017, come modificati dagli artt. 1 e 2 dell’ordinanza n. 118 del 2021;
  • b) All. 3_“Comunicazione impresa affidataria ai sensi dell’articolo 4, dell’Ordinanza n. 118/20216”, per la comunicazione, successivamente all’emanazione del decreto di concessione del contributo, dell’impresa affidataria di cui all’art. 4 dell’ordinanza n. 118 del 2021;
  • c) All. 4_ “Schema di domanda per l’autorizzazione alla delocalizzazione temporanea di cui all’art. 14 dell’ordinanza 118 del 2021.”, per la presentazione delle richieste di delocalizzazione da parte dei soggetti legittimati titolari di attività produttive che devono sospendere la propria attività in conseguenza dell’esecuzione di lavori in edifici dichiarati parzialmente inagibili che sono stati oggetto di concessione di contributo.

Gli allegati saranno pubblicati nel sito del Commissario Straordinario del Governo e saranno resi disponibili nella piattaforma informatica in uso dalla struttura commissariale. Inoltre, a decorrere dalla data di adozione del decreto sarà possibile l’inserimento nel corrispondente fascicolo degli allegati 1, 2 e 3 nella piattaforma informatica della Struttura Commissariale.

Decreto attuativo per Ricostruzione Sisma: modalità operative

Le asseverazioni e la comunicazione dovranno essere debitamente compilate e sottoscritte a mezzo di firma digitale dal professionista incaricato della prestazione professionale, e trasmesse dal coordinatore della pratica a mezzo della medesima piattaforma.

Inoltre, in occasione del SAL 0, si potrà richiedere un anticipo non superiore al 30% dell'importo lavori ammesso a contributo, previa presentazione di apposita polizza fideiussoria.

Infine la richiesta di delocalizzazione (All. 4)  dovrà essere debitamente sottoscritta dal richiedente e trasmessa a mezzo pec, nelle more dell’aggiornamento della piattaforma informatica del Commissario straordinario, all’Ufficio Speciale per la Ricostruzione territorialmente competente.

L’attuazione del decreto è un passo importante, perché implica una serie di vantaggi:

  • il pagamento degli stati di avanzamento dei lavori a favore delle imprese costruttrici viene accelerato grazie all’asseverazione dei tecnici responsabili del progetto. La semplificazione riguarda sia i SAL intermedi, che il SAL finale, con il quale si esaurisce il pagamento delle opere eseguite dalle imprese.
  • più tempo per i cittadini per trovare l’impresa a cui affidare i lavori sugli immobili danneggiati;
  • possibilità di accedere ad un contributo economico per le attività produttive che devono delocalizzarsi temporaneamente a causa dei lavori di ripristino degli edifici.

Documenti Allegati