Superbonus 110% e bonus fiscali: cosa cambia dopo la Legge di Bilancio 2022

Dall'Assemblea del Senato uscirà la nuova Legge di Bilancio 2022 che prevede modifiche all'art. 119 del Decreto Rilancio sul Superbonus 110%

di Gianluca Oreto - 23/12/2021
© Riproduzione riservata
Superbonus 110% e bonus fiscali: cosa cambia dopo la Legge di Bilancio 2022

Proseguirà oggi e domani la discussione del ddl n. 2448 di Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024. Una Legge di Bilancio che scioglierà le riserve sulle detrazioni fiscali del 110% (superbonus), al momento ferme ed in attesa di certezze.

Dalla bozza di Legge di Bilancio alla Gazzetta Ufficiale

Dalle indiscrezioni delle ultime ore sembrerebbe certa l'intesa del Parlamento sulle misure previste per il superbonus 110%. In Commissione Bilancio è proprio su questo argomento che si sono accese le discussioni affinché si potessero non solo prorogare per tutte le detrazioni ma, se possibile, risolvere alcune problematiche emerse dopo la pubblicazione del Decreto Legge n. 157/2021 (Decreto anti-frode) e non solo.

È chiaro che per avere un quadro definitivo si dovrà attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ma è altrettanto vero che al momento le possibili alternative sono due:

  • Senato e Camera confermano le misure per il superbonus e la Legge di Bilancio 2022 andrà in Gazzetta come "pensata" dal Parlamento;
  • arrivati a ridosso del fine anno il Governo potrebbe presentare un nuovo testo su cui chiedere la fiducia ai due rami del Parlamento (e in questo caso potrebbero essere dolori anche se è molto complicato).

Ciò significa che al momento qualsiasi considerazione sulle attuali disposizioni potranno essere confermate o completamente rivoluzionate dalla Gazzetta Ufficiale.

Superbonus 110%: l'orizzonte temporale

Allo stato attuale, una delle modifiche più "importanti" riguarda l'orizzonte temporale di fruizione del superbonus 110% che con la normativa vigente prevede le seguenti scadenze:

Beneficiario/intervento

Termine per il 60% dei lavori

Scadenza finale

Tutti i beneficiari
art. 119, comma 9, lettere b), d), d-bis) ed e) del Decreto Rilancio

 

30/06/2022

Persone fisiche con edifici plurifamiliari da 2 a 4 unità
art. 119, comma 9, lettera a) del Decreto Rilancio

30/06/2022

31/12/2022

Condomini
art. 119, comma 9, lettera a) del Decreto Rilancio

 

31/12/2022

IACP
art. 119, comma 9, lettera c) del Decreto Rilancio
30/06/2023
31/12/2023
Impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo
art. 119, comma 5 del Decreto Rilancio
30/06/2023
31/12/2023

Con le nuove modifiche l'orizzonte temporale dovrebbe essere il seguente:

Beneficiario/intervento

Termine per il 30%-60% dei lavori

Scadenza finale

Tutti i beneficiari
art. 119, comma 9, lettere b), d-bis) ed e) del Decreto Rilancio

30% al 30/06/2022

31/12/2022

Condomini e Persone fisiche con edifici plurifamiliari da 2 a 4 unità
art. 119, comma 9, lettera a) del Decreto Rilancio

 

31/12/2023

IACP e Cooperative a proprietà indivisa
art. 119, comma 9, lettere c) e d) del Decreto Rilancio
60% al 30/06/2023
31/12/2023

Un aspetto che sembrerebbe sia stato risolto riguarda l'attuale disallineamento tra gli interventi trainanti e quelli trainati all'interno del condominio. Avendo previsto due scadenze per le persone fisiche e i condomini, allo stato attuale dopo il 30 giugno 2022 i condomini avrebbero potuto realizzare i lavori sulle parti comuni (trainanti) ma i singoli proprietari non avrebbero potuto realizzare quelli sulle parti private (trainati). Anche la scadenza degli impianti fotovoltaici e dei sistemi di accumulo (art. 119, comma 5 del Decreto Rilancio) segue (come interventi trainati) l'orizzonte temporale degli interventi trainanti.

La nuova Legge di Bilancio dovrebbe risolvere il problema prevedendo che i trainati seguano lo stesso orizzonte temporale dei trainanti.

Altra importante misura prevede la proroga generalizzata del superbonus 110% fino al 2025 nelle aree colpite dai terremoti, sulla quale il Commissario alla Ricostruzione post sisma 2016, Giovanni Legnini, ha affermato "La conferma degli incentivi fiscali del 110% sia per i condomini che per gli edifici uni e bifamiliari inagibili dopo il sisma, e per ben quattro anni, permette oggi ai cittadini di affrontare una ricostruzione rapida, sicura e rispettosa dell’ambiente delle abitazioni distrutte dal terremoto avendo certezza delle risorse disponibili, ed al Commissario di programmare al meglio il lavoro e le risorse necessarie".

Niente vincoli per le unifamiliari

Altra importante modifica al testo predisposto dal Governo riguarda gli interventi realizzati dalle persone fisiche e che, quindi, potenzialmente riguardano:

  • gli edifici unifamiliari (le "villette");
  • le unità immobiliari in condominio (limitatamente agli interventi trainati);
  • le unità immobiliari con accesso autonomo e funzionalmente indipendenti (sia per i trainanti che i trainati).

Ricordiamo, infatti, che la versione di ddl di Bilancio predisposta dal Governo prevedeva una proroga al 31 dicembre 2022 ma con due condizioni alternative:

  • alla data del 30 settembre 2021 doveva effettuata la comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA), ovvero, per quelli comportanti la demolizione e la ricostruzione degli edifici, risultino avviate le relative "formalità amministrative per l’acquisizione del titolo abilitativo".
  • l’unità immobiliare oggetto dell’intervento doveva essere adibita ad abitazione principale e il contribuente avere un valore dell'ISEE non superiore a 25.000 euro annui.

A parte la mancanza di tatto oltre di conoscenza di chi ha scritto in una legge "formalità amministrative per l’acquisizione del titolo abilitativo" (chi sa come funziona una SCIA o un permesso di costruire non le avrebbe mai definite formalità, anche solo per le responsabilità che stanno dietro una pratica semplice), questi due paletti dovrebbero essere completamente eliminati.

La verifica di congruità e i prezzari

Un aspetto da chiarire riguarda l'asseverazione di congruità delle spese sostenute sulla quale, dopo il Decreto anti-frode e la circolare n. 16/E dell'Agenzia delle Entrate, si è acceso un dibattito molto acceso. L'attuale versione del Decreto Rilancio prevede la possibilità di asseverare la congruità delle spese sostenute utilizzando il prezzario della casa editrice privata "DEI Tipografia del Genio Civile" unicamente per gli interventi di ecobonus.

L'Agenzia delle Entrate ha confermato che questi prezzari non possono essere utilizzati né per gli interventi di sismabonus né per gli altri bonus edilizi (come il bonus facciate).

Con la nuova legge di Bilancio i prezzari DEI dovrebbero essere estesi a tutti i bonus edilizi anche se, chiaramente, la decorrenza sarà dall'1 gennaio 2022. Gli interventi (oltre l'ecobonus) fatturati tra il 12 novembre e il 31 dicembre 2021 dovranno sottostare alle regole attualmente in vigore che escludono i prezzari della DEI.

In particolare, dopo il terzo periodo del comma 13-bis dell’art. 119 del Decreto Rilancio è aggiunta la seguente parte: “I prezzari individuati nel decreto di cui alla lettera a)del comma 13 devono intendersi applicabili anche ai fini della lettera b)del medesimo comma, e con riferimento agli interventi di cui all’articolo 16, commi da 1-bis a 1-sexies, del decreto- legge 4 giugno 2013, n.63, convertito, con modificazioni, nella legge 3 agosto 2013, n.90, di cui all’articolo 1, commi 219-223, della legge 27 dicembre 2019, n.160, e di cui all’articolo 16-bis, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917”.

Una modalità che “dovrebbe” aprire i prezzari individuati nell’Allegato punto 13.1 del Decreto MiSE 6 agosto 2020 (Decreto Requisiti tecnici ecobonus) anche al Sismabonus (potenziato al 110% e ordinario), al bonus facciate e alla detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici.

Da risolvere il nodo legato al fine lavori. Benché il MEF e l'Agenzia delle Entrate abbiano di fatto "sdoganato" l'idea di fatturare e saldare lavori appena avviati per poter avviare subito la cessione del credito, sono tante le Banche che acquistano il credito solo a seguito di asseverazione di congruità riferita a lavori effettivamente realizzati. Superati certi importi è la stessa Banca ad inviare dei tecnici per verificare in situ l'esecuzione dei lavori stessa.

L'aspetto temporale dell'asseverazione di congruità dovrà prima o poi essere affrontato dal Legislatore per evitare i casi limite di cessioni su lavori inesistenti.

Visto di conformità, asseverazioni e attestazioni: spese detraibili e semplificazioni per i piccoli cantieri

Viene anche previsto che rientrano tra le spese detraibili per gli interventi che accedono agli altri bonus fiscali con le opzioni alternative (art. 121, comma 2 del Decreto Rilancio) anche quelle sostenute per il rilascio del visto di conformità, delle attestazioni e delle asseverazioni, sulla base dell’aliquota prevista dalle singole detrazioni fiscali spettanti in relazione ai predetti interventi.

Le nuove disposizioni (visto di conformità e asseverazione di congruità delle spese sostenute) non si applicano:

  • alle opere già classificate come attività di edilizia libera;
  • agli interventi di importo complessivo non superiore a 10.000euro, eseguiti sulle singole unità immobiliari o sulle parti comuni dell’edificio,fatta eccezione per gli interventi di bonus facciate.

Chiaramente è fatto divieto di effettuare suddivisioni in lotti contrattuali o comunque frazionamenti dei lavori al solo fine di eludere l’applicazione delle nuove regole previste per contrastare le frodi fiscali.

Come sempre, consigliamo la lettura della versione definitiva pubblicata in Gazzetta prima di fare considerazioni definitive.