2003 e 2004 CON MINORE GRAVITA' NELLE VIOLAZIONI

12/04/2006

3.195 volte
Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha presentato al Parlamento una relazione sugli abusi edilizi che indica 55 mila violazioni rilevate tra il 2003 ed il 2004 con un sensibile miglioramento rispetto alla precedente indagine.
Alla indagine del Ministero ha partecipato il 72% dei Comuni mentre nell'indagine precedente del 1986-1988 aveva partecipato il 49% ma gli abusi rilevati erano di oltre 90 mila.
Tra le regioni interessate dalla relazione soltanto in una e precisamente nella Campania gli abusi rilevati nell'attuale relazione sono maggiori di quelli rilevati nella precedente. La Campania è la regione che non soltanto è in testa in entrambe le rilevazioni ma che ha anche il maggior numero di violazioni con un incremento nel numero che sono passate dalle 15.500 circa del 1986-1988 ai 17.000 circa attuali; tra l'altro la Campania assorbe il 31% del totale delle violazioni commesse su tutto il territorio nazionale.

In tutte le altre regioni il rilevamento del 2003-2004 ha mostrato un sensibile calo rispetto alla rilevazione precedente con un dato abbastanza confortante per la regione Siciliana in cui le violazioni sono passate dalle 13.500 circa del 1986-1988 alle 3.500 della rilevazione 2003-2004.

A parecchia distanza dalla Campania troviamo la regione Lazio con circa 9.000 violazioni seguita dalla Puglia, dalla Sicilia, dalla Toscana e dalla Liguria con circa 3.500 violazioni e dalla Lombardia, dalla Calabria con circa 3.000 violazioni.

Tra le città guida la classifica tra quelle che hanno il maggior numero di abusi edilizi Roma tallonata da Napoli.
Dalla relazione presentata dal vice-Ministro Ugo Martinat si rileva che il grande abusivismo è in calo mentre è in crescita l'abusivismo definito "per necessità" con un sensibile incremento degli abusi legati alle ristrutturazioni edilizie.

Concludiamo precisando che Martinat ha dichiarato che "l'abusivismo e norme disattese o ale interpretate hanno prodotto un profondo cambiamento fisico del territorio e pertanto deve essere fatto ogni sforzo per ripristinare la legalità e indirizzare correttamente la pianificazione". © Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa