Bonus facciate 2020: la nuova guida con tutto quel che serve sapere sulla detrazione fiscale

06/03/2020

6.619 volte
Bonus facciate 2020: la nuova guida con tutto quel che serve sapere sulla detrazione fiscale

Bonus facciate 2020: dopo la pubblicazione da parte dell'Agenzia delle Entrate della guida al Bonus Facciate e la circolare attuativa 14 febbraio 2020, n. 2/E, l’Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE) ha provveduto ad aggiornare la sua guida sul Bonus Facciate che traccia i profili principali della nuova agevolazione per il recupero ed il restauro delle facciate esterne degli edifici, e indica tutti gli adempimenti necessari, anche sotto il profilo urbanistico, per accedere all’agevolazione.

Bonus facciate 2020: la nuova guida ANCE

Anche la nuova guida ANCE è strutturata in paragrafi che rispondono alle seguenti domande:

  1. Cos’è il Bonus Facciate?
  2. Qual è la norma di riferimento?
  3. Chi sono i beneficiari del Bonus Facciate?
  4. Quali immobili sono interessati?
  5. Quali sono gli interventi agevolati?
  6. Come regolarsi se l’intervento ha un impatto dal punto di vista energetico?
  7. I requisiti minimi per le prestazioni energetiche devono essere rispettati anche per gli interventi sugli immobili di valore nei centri storici?
  8. Come si usufruisce della detrazione?
  9. Se i lavori sulle facciate hanno un’incidenza dal punto di vista termico è possibile usufruire sia del Bonus Facciate che dell’Ecobonus?
  10. Interventi condominiali: quali maggioranze per i lavori sulle facciate?

Bonus facciate 2020: la norma che ha introdotto la nuova detrazione fiscale

I costruttori chiariscono subito che non tutti gli aspetti della nuova detrazione fiscale sono ancora chiari. Ricordiamo che il bonus facciate è stato previsto dai commi 219-223 della Legge 27 dicembre 2019, n. 160 (c.d. Legge di Bilancio per il 2020) che prevedono:

219. Per le spese documentate, sostenute, nell'anno 2020, relative agli interventi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B ai sensi del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, spetta una detrazione dall'imposta lorda pari al 90 per cento.
220. Nell'ipotesi in cui i lavori di rifacimento della facciata, ove non siano di sola pulitura o tinteggiatura esterna, riguardino interventi influenti dal punto di vista termico o interessino oltre il 10 per cento dell'intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell'edificio, gli interventi devono soddisfare i requisiti di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2015, pubblicato nel supplemento ordinario n. 39 alla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015, e, con riguardo ai valori di trasmittanza termica, i requisiti di cui alla tabella 2 dell'allegato B al decreto del Ministro dello sviluppo economico 11 marzo 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 66 del 18 marzo 2008. In tali ipotesi, ai fini delle verifiche e dei controlli si applicano i commi 3-bis e 3-ter dell'articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90.
221. Ferme restando le agevolazioni già previste dalla legislazione vigente in materia edilizia e di riqualificazione energetica, sono ammessi al beneficio di cui ai commi da 219 a 224 esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi.
222. La detrazione è ripartita in dieci quote annuali costanti e di pari importo nell'anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.
223. Si applicano le disposizioni del regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 18 febbraio 1998, n. 41.
224. Conseguentemente, il Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all'articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, è incrementato di 0,5 milioni di euro per l'anno 2020, di 5,8 milioni di euro per l'anno 2021 e di 3,6 milioni di euro annui dall'anno 2022 all'anno 2030.

In allegato la guida ANCE con la risposta alle domande sulla detrazione fiscale c.d. bonus facciate.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa