Superbonus 110%, Ecobonus e Sisma Bonus: sconto in fattura e cessione del credito per stati di avanzamento

06/07/2020

43.798 volte
Superbonus 110%, Ecobonus e Sisma Bonus: sconto in fattura e cessione del credito per stati di avanzamento

Superbonus 110%: sulle nuove detrazioni fiscali previste dal D.L. n. 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio) per l'efficienza energetica(Ecobonus), la riduzione del rischio sismico (Sisma Bonus), il Fotovoltaico e le colonnine di ricarica di veicoli elettrici, si continuerà a parlare senz'altro fino a fine agosto 2020.

Superbonus 110%, sconto in fattura e cessione del credito: dalla conversione in legge ai provvedimenti attuativi

Benché le nuove detrazioni fiscali del 110% siano già operative per le spese sostenute dall'1 luglio 2020, il settore è fermo in attesa della legge di conversione, che arriverà entro il 18 luglio 2020, ma soprattutto dei provvedimento attuativi che regoleranno le due opzioni di sconto in fattura e cessione del credito.

La V Commissione della Camera dei Deputati ha, intanto, approvato un emendamento che sostituisce integralmente l'art. 119 del Decreto Rilancio apportando alcune importanti modifiche per la fruizione delle due opzioni di sconto in fattura e cessione del credito in alternativa alle detrazioni fiscali. Vediamo quali.

Segui il Focus Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

Superbonus 110%: sconto in fattura e cessione del credito

Sconto in fattura e cessione del credito sono definiti sia nell'art. 119 che nell'art. 121 del Decreto Rilancio. La rubrica dell'art. 121 diventa "Opzione per la cessione o per lo sconto in luogo delle detrazioni fiscali" e prevede che i soggetti che sostengono, negli anni 2020 e 2021, le spese per gli interventi di:

  • recupero del patrimonio edilizio;
  • efficienza energetica;
  • adozione di misure antisismiche;
  • recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti;
  • installazione di impianti fotovoltaici;
  • installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici;

in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione spettante, possono optare alternativamente:

  • ad un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d'imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;
  • alla cessione di un credito d'imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.
Agevolazioni fiscali in materia di edilizia

Agevolazioni fiscali in materia di edilizia
Ecobonus, Sisma Bonus, Bonus Facciate, Bonus Casa, Bonus Mobili, Bonus Verde

Vai alla scheda tecnica - Prenota subito la tua copia

Segui il Focus Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

Sconto in fattura e cessione del credito per stati di avanzamento

Le due opzioni possono essere esercitate in relazione a ciascuno stato di avanzamento dei lavori. Per gli interventi previsti che accedono al superbonus 110% gli stati di avanzamento dei lavori non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e ciascuno stato di avanzamento deve riferirsi ad almeno il 30% del medesimo intervento.

Sconto in fattura e cessione del credito: il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate

Con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate, da adottare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio, saranno definite le modalità attuative relative all'esercizio delle opzioni, da effettuarsi in via telematica.

Segui il Focus Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

Sconto in fattura e cessione del credito: il visto di conformità

Ai fini dell'opzione per la cessione o per lo sconto in fattura, il contribuente dovrà richiedere il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d'imposta. Il visto di conformità è rilasciato ai sensi dell'articolo 35 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, dai soggetti indicati alle lettere a) e b) del comma 3 dell'articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, e dai responsabili dell'assistenza fiscale dei centri costituiti dai soggetti di cui all'articolo 32 del citato decreto legislativo n. 241 del 1997.

Per la redazione e invio del visto di conformità sarà pubblicato un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate, che definirà le modalità attuative, da adottare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio.

Sconto in fattura e cessione del credito: l'asseverazione dei tecnici

Ai fini della detrazione del 110% e dell'opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura:

per gli interventi di efficientamento energetico che accedono al superbonus, i tecnici abilitati asseverano il rispetto dei requisiti previsti e la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Una copia dell'asseverazione è trasmessa, esclusivamente per via telematica, all'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA). Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio, saranno stabilite le modalità di trasmissione della suddetta asseverazione e le relative modalità attuative;

per gli interventi di riduzione del rischio sismico che accedono al superbonus, l'efficacia degli stessi al fine della riduzione del rischio sismico è asseverata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale, della direzione dei lavori delle strutture e del collaudo statico, secondo le rispettive competenze professionali, iscritti agli ordini o ai collegi professionali di appartenenza, in base alle disposizioni del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti n. 58 del 28 febbraio 2017. I professionisti incaricati attestano altresì la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Il soggetto che rilascia il visto di conformità verifica la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai professionisti incaricati.

Segui il Focus Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

Sconto in fattura e cessione del credito: i prezzari

L'asseverazione è rilasciata al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori sulla base delle condizioni e nei limiti di cui all'articolo 121. L'asseverazione rilasciata dal tecnico abilitato attesta i requisiti tecnici sulla base del progetto e dell'effettiva realizzazione. Ai fini dell'asseverazione della congruità delle spese si fa riferimento ai prezzari individuati dal decreto del Ministro dello sviluppo economico, da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio. Nelle more dell'adozione del decreto, la congruità delle spese è determinata facendo riferimento ai prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome, ai listini ufficiali o ai listini delle locali camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, ai prezzi correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi.

Sconto in fattura e cessione del credito: le sanzioni

Ferma restando l'applicazione delle sanzioni penali ove il fatto costituisca reato, ai soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni infedeli si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000 a euro 15.000 per ciascuna attestazione o asseverazione infedele resa.

Sconto in fattura e cessione del credito: la polizza di assicurazione per chi attesta e assevera

I soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni dovranno stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a 500.000 euro, al fine di garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall'attività prestata.

Segui il Focus Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

Sconto in fattura e cessione del credito: la decadenza del beneficio

La non veridicità delle attestazioni o asseverazioni comporta la decadenza dal beneficio.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Agevolazioni fiscali in materia di edilizia

Agevolazioni fiscali in materia di edilizia
Ecobonus, Sisma Bonus, Bonus Facciate, Bonus Casa, Bonus Mobili, Bonus Verde

Vai alla scheda tecnica - Prenota subito la tua copia

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa