Permessi di Costruire: Segnali positivi per l’edilizia residenziale

L'Istat ha diffuso gli indicatori dei permessi di costruire relativi al primo semestre del 2016 certificando una lieve ripresa del comparto edile. Nel pri...

24/01/2017
© Riproduzione riservata
Permessi di Costruire: Segnali positivi per l’edilizia residenziale

L'Istat ha diffuso gli indicatori dei permessi di costruire relativi al primo semestre del 2016 certificando una lieve ripresa del comparto edile.

Nel primo semestre 2016, si rilevano segnali positivi per l’edilizia residenziale: il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati torna a superare la soglia delle 10 mila unità nel primo trimestre raggiungendo quasi 11,5 mila nel secondo, sebbene si rilevi una contenuta contrazione (-1,1%) rispetto al primo semestre 2015. Più marcato è il miglioramento semestrale registrato in termini di superficie utile abitabile (+4,0%). L’edilizia non residenziale registra invece una riduzione dell’8,3%.

Nei dati Istat viene precisato, anche, che:

  • dopo la marcata flessione nel numero di abitazioni registrata per i nuovi fabbricati residenziali nel primo trimestre 2016 (-6,2%), il parziale recupero conseguito nel secondo trimestre 2016 (+4,0%) rappresenta la prima variazione positiva dopo 5 anni di continue flessioni tendenziali. In termini di superficie utile, la contenuta flessione tendenziale nel primo trimestre (-1,3%) è sopravanzata dall’ampia crescita nel secondo (+9,1%), anch’esso primo dato positivo dopo 5 anni;
  • dopo la fase di forte espansione registrata, in media, nel 2015, l’edilizia non residenziale torna ad essere caratterizzata da un marcata contrazione tendenziale nel primo trimestre 2016 (-9,2%) che si ridimensiona solo in parte nel secondo (-7,5%).

Nel primo semestre 2016 il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali registra dei primi segnali positivi attestandosi di nuovo sopra la soglia delle 10.000 unità, con 10.105 abitazioni nel primo trimestre 2016 e 11.417 nel secondo (Figura 1a). Analoghe considerazioni valgono per la superficie utile abitabile (Figura 1b) che presenta, nel primo trimestre 2016, il valore di 881.369 mq e nel secondo di 1.006.915 mq.

La superficie della nuova edilizia non residenziale registra nel primo trimestre 2016 una diminuzione rispetto al quarto trimestre del 2015 con un valore pari a 1.560.415 mq; nel secondo trimestre 2016, invece, risale fino al valore di 1.965.821 mq.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it