Superbonus 110% e ampliamenti volumetrici: le differenze tra ecobonus e sismabonus

Il CSLP chiarisce alcuni aspetti relativi alla fruizione del superbonus per interventi di demolizione e ricostruzione con ampliamenti volumetrici

di Redazione tecnica - 09/02/2021
© Riproduzione riservata
Superbonus 110% e ampliamenti volumetrici: le differenze tra ecobonus e sismabonus

Con la modifiche apportate dal decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76 (c.d. Decreto Semplificazioni) al DPR 6 giugno 2001, n. 380 (c.d. Testo Unico Edilizia), è cambiato il modo di portare in detrazione fiscali le spese in caso di intervento di demolizione e ricostruzione.

Demolizione e ricostruzione adesso ristrutturazione edilizia

In particolare, con una modifica all'art. 3, comma 1, lettera d) adesso rientrano tra gli interventi di ristrutturazione edilizia anche quelli di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversi sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica, per l'applicazione della normativa sull'accessibilità, per l'istallazione di impianti tecnologici e per l'efficientamento energetico. È anche previsto che l'intervento possa prevedere, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana.

Demolizione e ricostruzione anche per il superbonus

Una modifica importante, soprattutto se unita a quanto previsto dall'art. 119, comma 3 del Decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. Decreto Rilancio) che estende la fruizione delle detrazioni fiscali del 110% (c.d. superbonus) anche agli interventi di demolizione e ricostruzione di cui all'articolo 3, comma 1, lettera d) del Testo Unico Edilizia.

La domanda dell'Agenzia delle Entrate e la risposta del CSLP

Sull'argomento ha risposto ad un interessante quesito posto dall'Agenzia delle Entrate, la Commissione di monitoraggio, costituita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLP).

In riferimento alla nuova versione dell'art. 3, comma 1, lettera d) del DPR n. 380/2001, l'Agenzia delle Entrate chiede conferma in merito alle spese relative all'incremento di volume, se sono ammissibili al Superbonus e alle detrazioni fiscali solo a partire dal 17 luglio 2020, data di entrata in vigore del D.L. n. 76/2020.

Il CSLP ha ricordato preliminarmente che la qualificazione dell’intervento edilizio spetta all’Ente locale solo se ai sensi della normativa regionale vigente gli interventi sono soggetti al un titolo abilitativo costituito dal Permesso di Costruire altrimenti sarà il progettista ad asseverare tramite Segnalazione Certificata di Inizio Attività (cosiddetta SCIA) la qualificazione dell’intervento stesso. Asseverazione che sarà poi sottoposta, dall’Ente territoriale competente, a controllo di verifica, nella maggior parte dei casi condotto a campione.

In riferimento alla domanda dell'Agenzia delle Entrate, la risposta del CSLP parte dalla nuova definizione di ristrutturazione edilizia chiarendo che in caso di demolizione e ricostruzione:

  • il superbonus per le spese di riqualificazione energetica (ecobonus 110%) non si applica all'eventuale aumento volumetrico;
  • il superbonus per gli interventi di riduzione del rischio sismico (sismabonus 110%) si applica anche alle spese relative all'incremento di volume, solo a partire dal 17 luglio 2020, data in cui il D.L. n. 76/2020 ha inserito l’aumento volumetrico, connesso agli interventi di cui sopra, non legato a “innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica” all’interno della definizione della “ristrutturazione edilizia” di cui all’art. 3 comma 1 lettera d) del D.P.R. 380/2001, richiedendo, se necessario e possibile, all’ente territoriale competente la modifica del titolo abilitativo già rilasciato allineando l’intervento alla ristrutturazione edilizia, visto che il provvedimento normativo emanato non prevede nessuna specifica retroattività.

Sulla differenza tra ecobonus 110% e sismabonus 110%, il CSLP è stato chiaro ammettendo che il primo non si applica alla parte eccedente il volume ante-operam.

Tale diversa impostazione può essere eliminata solo con una modifica alla legislazione vigente. E la Commissione del CSLP si farà carico di inviare una nota agli Uffici Legislativi del MIT, MISE e MEF, che segnali il diverso trattamento sopra evidenziato, in modo che tali organi preposti possano intraprendere gli eventuali provvedimenti normativi, finalizzati ad allineare l’agevolazione fiscale del “Superecobonus” a quella del “Supersismabonus”.

Segui lo Speciale Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

A cura di Redazione LavoriPubblici.it