Bonus facciate e asseverazione di congruità: quello che c'è e quello che manca

Il Decreto Legge n. 157/2021 (Decreto anti-frode) ha modificato l'art. 121 del Decreto Rilancio estendendo la verifica di congruità dei costi anche al bonus facciate

di Gianluca Oreto - 18/11/2021
© Riproduzione riservata
Bonus facciate e asseverazione di congruità: quello che c'è e quello che manca

Come ogni modifica arrivata a colpi di decreto legge (quindi immediatamente in vigore senza un transitorio che consenta un accurato studio), anche quelle di cui al Decreto-legge 11 novembre 2021, n. 157 (Decreto anti-frode) hanno cominciato a far parlare e a bloccare imprese e professionisti in cerca di certezze.

Bonus facciate: cos'è e cosa si prevede

Senza considerare la possibile proroga temporale con diminuzione dell'aliquota fiscale prevista (molto probabilmente) dalla prossima Legge di Bilancio, oggi ci concentreremo sul bonus facciate. Ovvero sulla detrazione fiscale del 90% prevista dall'art. 1, commi 219-224 della Legge 27 dicembre 2019, n. 160 per gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti (inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna) ubicati in zona A (centri storici) o B (parti già urbanizzate, anche se edificate in parte).

Un bonus al momento arrivato al capolinea, visto che il suo orizzonte temporale terminerà il 31 dicembre 2021. Come detto, però, è in previsione una proroga al 2022 con aliquota ridotta al 60%. Ma, per questa, dovremo attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2022.

Bonus facciate: gli adempimenti

Una delle caratteristiche principali di questa detrazione, finita nell'occhio del mirino del programma televisivo Le Iene, riguarda l'assenza di limiti di spesa e di prezzari cui ancorare i computi metrici. Nel superbonus, ad esempio, sin da subito è stata prevista l'asseverazione di un tecnico abilitato che, oltre a verificare i diversi requisiti minimi, assevera anche il rispetto dei costi massimi per tipologia di intervento sulla base dei prezzari regionali o di quelli editi dalla casa editrice privata DEI.

Nel bonus facciate, invece, fino alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge n. 157/2021, nessun controllo era stato previsto sulle spese.

Bonus facciate: cosa cambia dopo il decreto anti-frode

Benché qualche autorevole fonte abbia ammesso che per il bonus facciate nulla sia cambiato, come sempre cercherò di ricostruire le modifiche, attenendomi a quello che dice la norma.

E per quello che riguarda il bonus facciate, come anche tutte le detrazioni fiscali indicate al comma 2 dell'art. 121 del Decreto Legge n. 34/2020 (Decreto Rilancio), il Decreto anti-frode ha aggiunto all'art. 121 il comma 1-ter che prevede:

Per le spese relative agli interventi elencati nel comma 2, in caso di opzione di cui al comma 1:
a) il contribuente richiede il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta per gli interventi di cui al presente articolo. Il visto di conformità è rilasciato ai sensi dell’articolo 35 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, dai soggetti indicati alle lettere a) e b) del comma 3 dell’articolo 3 del regolamento recante modalità per la presentazione delle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi, all’imposta regionale sulle attività produttive e all’imposta sul valore aggiunto di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, e dai responsabili dell’assistenza fiscale dei centri costituiti dai soggetti di cui all’articolo 32 del citato decreto legislativo n. 241 del 1997;
b) i tecnici abilitati asseverano la congruità delle spese sostenute secondo le disposizioni dell’articolo 119, comma 13 -bis.

Ciò significa che anche per il bonus facciate, nel caso in cui si opti per una delle due opzioni alternative (sconto in fattura e cessione del credito) sarà necessario:

  • richiedere il visto di conformità;
  • far asseverare la congruità delle spese da un tecnico abilitato.

Bonus facciate e decreto anti-frode: l'asseverazione di congruità

Mentre sul visto di conformità problemi non ne abbiamo perché i soggetti abilitati sanno già come farlo, qualche considerazione in più merita l'asseverazione di congruità dei costi.

La norma afferma che questa deve essere realizzata dal tecnico abilitato secondo le disposizioni dell’articolo 119, comma 13-bis (anche questo modificato dal Decreto anti-frode) che recita:

13-bis. L'asseverazione di cui al comma 13, lettere a) e b), del presente articolo è rilasciata al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori sulla base delle condizioni e nei limiti di cui all'articolo 121. L'asseverazione rilasciata dal tecnico abilitato attesta i requisiti tecnici sulla base del progetto e dell'effettiva realizzazione. Ai fini dell'asseverazione della congruità delle spese si fa riferimento ai prezzari individuati dal decreto di cui al comma 13, lettera a), nonché ai valori massimi stabiliti, per talune categorie di beni, con decreto del Ministro della transizione ecologica. Nelle more dell'adozione dei predetti decreti, la congruità delle spese è determinata facendo riferimento ai prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome, ai listini ufficiali o ai listini delle locali camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, ai prezzi correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi.

Sostanzialmente l'asseverazione di congruità dei costi si fa prendendo come riferimento gli stessi prezzari stabiliti per l'ecobonus (prezzari regionali e DEI) con l'aggiunta di un nuovo prezzario che sarà pubblicato con decreto del Ministro della transizione ecologica, per talune categorie di beni.

Bonus facciate e decreto anti-frode: cosa manca

Si potrebbe dire "dove sta il problema?". Semplicissimo, per il sismabonus la verifica di congruità dei costi è inserita nel modello contenuto nel DM n. 58/2017 come da ultima modifica arrivata dal DM n. 329/2020. Allo stesso modo per l'ecobonus si utilizza il modello di asseverazione contenuto nel DM 06/08/2020 al cui interno vi è la parte dell'asseverazione di congruità dei costi.

E per il bonus facciate? Al momento l'unica è una relazione asseverata da parte di un tecnico, ma ipotizzo che possa arrivare una modulistica ad hoc per tutte quelle detrazioni che non prevedono risparmio energetico o riduzione del rischio sismico.

Bonus facciate e decreto anti-frode: gli interventi oltre il 31 dicembre 2021

La problematica più importante l'ho lasciata alla fine e riguarda gli interventi a cavallo tra il 2021 e il 2022.

Su questa problematica sono recentemente intervenuti l'Agenzia delle Entrate e il MEF ammettendo la possibilità di fruire del bonus facciate, optando per lo sconto in fattura (ma la stessa cosa vale per la cessione del credito), nel caso di pagamento del 10% dell'importo complessivo dei lavori anche se questi sono stati completati oltre il 31 dicembre 2021.

Fin quando non era prevista la verifica di congruità della spesa nessun problema. Il contribuente che voleva cedere il 90% dell'importo o l'impresa che, fatto lo sconto in fattura, lo voleva cedere ulteriormente ad un istituto di credito, poteva farlo senza alcun problema, comunicando poi all'Agenzia delle Entrate la scelta dell'opzione entro il 16 marzo dell'anno successivo.

Adesso cambia tutto. Con il decreto anti-frode e con la nuova asseverazione di congruità necessaria per utilizzare le opzioni alternative si pone un grande problema: come può il tecnico asseverare la congruità di una spesa per un intervento che non è ancora stato completato?

Si potrebbe rispondere che potrà farlo a fine lavori. Ma se l'intervento termina, ad esempio, il 30 gennaio 2022, fino a quella data e in assenza della congruità della spesa l'impresa non potrà cedere il 90% (da lei scontato in fattura), con evidenti problemi di liquidità. Bel problema!

Queste sono solo le mie riflessioni e come sempre a voi ogni commento utile ad aprire un dialogo. Se vuoi scrivimi a redazione@lavoripubblici.it o tramite la pagina Facebook di LavoriPubblici.it, sarò ben lieto di leggere cosa ne pensi.