NOMISMA VEDE STABILIZZAZIONE COMPRAVENDITE E PREZZI

20/11/2006

1.398 volte
Venerdì scorso il centro studi bolognese Nomisma ha pubblicato il terzo rapporto 2006 sul mercato immobiliare che fa notare come lo stesso, dopo il boom degli ultimi anni, rallenta la sua crescita e dovrebbe, nei prossimi mesi, muoversi all’insegna di una sostanziale stabilità per numero di transazioni, sebbene nelle grandi aree urbane si avvertano già indicazioni di flessione, controbilanciate da una tenuta dei mercati minori.
Il mercato delle case continua ad essere sempre solido e in crescita, anche se si è fermato il boom che ha contrassegnato gli ultimi anni; non si può ancora parlare di inversione di tendenza anche se i dati degli ultimi sei mesi del 2006 sono infatti i più bassi degli ultimi otto anni ed i prezzi dovrebbero rimanere sui livelli attuali o al massimo rallentare ulteriormente la crescita.

Secondo il rapporto, i prezzi di abitazioni, uffici e negozi sono aumentati in sei mesi rispettivamente del 2,6%, 2,5% e 2,7% (+6,4%, +5,6%, +6% la variazione annuale) ma con tempi di vendita più lunghi e redditività che si sta ulteriormente riducendo.
“Il mercato immobiliare” - ha detto Gualtiero Tamburini, vice presidente di Nomisma – “vale tranquillamente più del 10% del PIL e il patrimonio immobiliare italiano è di 4.100 miliardi, più o meno tre volte il prodotto interno lordo nazionale”.

Interessante la prospettiva di “significativi incrementi dell’offerta di abitazioni”, dovuta anche al ritorno sul mercato di immobili acquistati con logiche di investimento: “un numero più elevato di investitori ritiene giunto il momento di prendere i benefici dell'investimento, magari prima che la tassazione dei capital gain (realizzati nei primi cinque anni dell’investimento) venga nuovamente alzata oltre il 20% attuale (dopo l'aumento dal precedente 12,5% previsto dal Decreto-legge n. 223 del 4 luglio 2006) ma Nomisma sottolinea, anche, il contesto più difficile per il mattone tra tassi di interesse in graduale aumento, il ventilato inasprimento fiscale e l’andamento positivo delle altre forme di investimento.

Negli ultimi mesi è calata la percentuale delle famiglie proprietarie della prima casa anche se sono aumentati gli acquisti delle seconde case, non tanto in luoghi di vacanza, ma nei centri cittadini: il 30% dei mutui richiesti è per l'acquisto di una seconda casa, quattro anni fa erano il 10%. Segno che il mattone, nonostante il -0,3% di crescita percepita dagli addetti ai lavori e il calo dei rendimenti delle abitazioni (oggi si aggirano sul 5%, mentre nel 1999 erano del 5,8%) sia ritenuto dagli italiani ancora un investimento più che valido. Si è fermata anche la corsa a crescere dei prezzi massimi. In diminuzione i canoni di locazione.

Il numero di compravendite delle case è in calo nelle grandi città, mentre cresce nelle località minori (dove il prezzo è più basso).
Nel 2006 il numero delle operazioni dovrebbe attestarsi sui valori del 2005, circa 800mila, di cui il 10-15% fatto da immigrati.
Significativi anche i dati relativi ai mutui: il flusso di quelli erogati è aumentato del 20% e nell'ultimo anno ammonta a 65 miliardi. Il 40% dei mutui sono a tasso fisso e oltre la metà hanno una durata superiore ai 20 anni, fetta di mercato che fino a qualche anno fa era trascurabile.

Milano si conferma la città più cara (8.183 euro al metro quadrato nelle zone di pregio, 6.774 nel centro), seguita da Venezia (7.769 e 6.633) e Roma (7.318 e 6.218).
Fra le 13 grandi città prese in esame da Nomisma è Bari (con il + 3,8%) quella in cui i prezzi crescono di più, mentre la crescita più lenta (+1,4%) si registra a Milano.
L'equazione prezzi alti uguale crescita più lenta non è però automatica, visto che l'aumento del 3,4% delle case di Roma e il 3% di quelle di Venezia città si collocano al di sopra della media nazionale. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa